Ma quale distanziamento: stessa spiaggia, stesso mare

 

È passato meno di un mese. E la paura sembra già un ricordo. Assembramenti, distanziamento sociale, mascherine e plexiglass per gli ombrelloni?

Il caldo vince la paura, tutti al mare vicini vicini, accade in Campania.

Bastava farsi un giro nella prima domenica di afa e estate torrida per vedere coi propri occhi come sarebbe stato impossibile garantire distanze con i lidi che presentano gli ombrelloni nella solita disposizione. Non si sentono più echi di lanciafiamme e paroloni da politiche tutte legge&ordine. Una domanda va fatta a certi esperti e scienziati, soprattutto quelli dell’Oms.

A due settimane dalla finale di Coppa Italia quando Ranieri Guerra definì “sciagurati” i napoletani a far festa verrebbe da chiedersi: quali sono state le conseguenze di quei festeggiamenti rischiosi? Oggi la Campania è a contagio zero.

Fate chiarezza, non giocate sulla pelle dei cittadini guerre che riguardano la nostra salute.

Giuseppe Manzo – giornale radio sociale