A Mondragone va in onda il pericoloso virus italiota

 

Mondragone, terra di campi e di mare. Terra di fuochi e di camorra. Ora le cronache parlano di questa cittadina tra la Campania e il Lazio per il focolaio di coronavirus che sta generando tensioni sociali.

Italiani contro bulgari infetti, contro gli zingari che sono già il nemico pubblico numero uno. Bastava poco per creare lo stigma dello straniero appestato ma come sempre accade in ogni realtà locale si scoperchiano tensioni sopite. Quelle di braccianti e lavoratori a basso costo relegati in palazzine fatiscenti insieme agli ultimi italiani.

Tutto questo concentra un miscela su cui soffiano esponenti politici in perenne campagna elettorale. È il virus italiota che arriva prima del Covid-19: rendere peggiore questo Paese per l’interesse di pochi o per un pugno di voti.

Giuseppe Manzo giornale radio sociale