10 dischi per il 2017

di Fabio Piccolino

Quando l’anno volge al termine è giusto fare un resoconto di quello che è stato. Nel 2017 abbiamo ascoltato molta musica, grazie agli appuntamenti settimanali di Consigli per gli ascolti.
Così, ho selezionato dieci album del 2017 tra quelli di cui abbiamo parlato nei mesi scorsi.
Musica bella da ogni parte del mondo: non è stato facile scegliere.

 

[Grecia]

 

Stupore e immediato coinvolgimento emotivo: sono le prime sensazioni che suscita il nuovo album degli Holy Monitor. Un disco vorticoso ed avvolgente dentro cui ogni singolo elemento contribuisce alla buona riuscita dell’opera e che lascia l’ascoltatore a divertirsi con la molteplicità di colori evocata dalla musica.  Krautrock, psichedelia, sperimentazione: 37 minuti che passano troppo in fretta.

 

[Slovenia]

 

Quello dei Kukushai è un sound che parte dal jazz e lo trasforma in maniera non-convenzionale. “Fruitile” è un disco in cui contaminazioni diverse vengono a contagiare ogni singolo pezzo in maniera creativa e sorprendente. Dall’improvvisazione alle strutture complesse, dai momenti coinvolgenti a quelli più ostici, “Fruitile” mostra i suoi diversi volti attraverso le molteplici angolazioni da cui osservarlo. La voce di Eva Poženel è probabilmente il valore aggiunto di maggior rilievo.

 

[Stati Uniti]

 

E’ sempre una buona notizia quando esce un nuovo album di Sam Beam, in arte Iron & Wine, perchè gli artisti in grado di elargire emozioni autentiche hanno un dono speciale che va difeso e custodito. “Beast Epic” è una raccolta di melodie morbide che si sviluppano su voce e chitarra ed arrangiamenti delicati di piano e archi. Un disco intimo e suggestivo che scalda il corpo e i sentimenti.

 

[Canada]

 

Ecco i Fleece, quartetto di Montreal dedito alle sperimentazioni e ad uno psych-rock ricco di influenze. “Voyager” è il titolo giusto per racchiudere queste dieci composizioni: canzoni che ti portano con sé in territori impervi ma assolutamente confortevoli.

 

[Germania]

 

Open” dei Grandbrothers è un’apnea di melodie e strutture armoniose dalla quale non si ha voglia di riemergere una volta entrati. Il duo di Düsseldorf ha infatti la capacità di emozionare con brani raffinati con i quali si entra immediatamente in sintonia, soprattutto grazie alle note del piano, sempre protagonista, e di arrangiamenti aggraziati e talvolta più sperimentali.

 

[Italia]

 

Cristiano Crisci, in arte Clap! Clap! propone una formula affascinante che mette insieme i suoni della world music, l’elettronica, hip hop, house e molte altre diverse influenze.
A Thousand Skies” è un album in cui la contemporaneità incontra la tradizione e la trasforma, la rende ibrida, ne scompone le caratteristiche e le fonde in una formula efficace e coinvolgente. Un grande disco che riesce a rendere naturali elementi complessi, con grande armonia.

 

[Sudafrica]

 

Elettronica mescolata ad influenze che vanno dall’hip hop alla drum ‘n bass e alla dubstep: è il percorso musicale di Chee, che attraverso il corposo “Fear Monger” propone uno stile che prende una direzione definita cercando tuttavia di rompere gli schemi e di spiazzare. Trame oscure, voci spezzate, varietà e sostanza. Colori scuri ma futuro luminoso.

 

[Turchia]

 

Ah! Kosmos è il progetto della produttrice e performer turca Başak Günak; il nuovo ep, “Together we collide” contiene due soli pezzi, ma è un buon modo per entrare in contatto con il suo fascinoso universo sonoro, cupo ed evocativo.

 

[Spagna – Portogallo – Francia – Inghilterra – Egitto – Stati Uniti]

 

Exitoca” dei Cristobal And The Sea è un album estremamente eterogeneo e pieno di immaginazione. Le diverse provenienze geografiche dei membri della band sembrano riflettersi su un sound dalle molteplici direzioni, esotico e sperimentale, maturo nella scrittura e musicalmente molto accurato.
Un disco per chi ha voglia di sorprendersi.

 

[Australia]

 

King Gizzard & The Lizard Wizard sono una band meravigliosamente astratta. Perdersi nelle loro divagazioni vagamente retrò è un’avventura avvincente e affascinante perché contiene l’elemento chiave dell’impresa: non sapere mai come andrà a finire.
Sketches Of Brunswick East” è il terzo album pubblicato nel 2017 dalla band, segno che la vena creativa è in pieno e sembra non avere intenzione di esaurirsi a breve.

 


BONUS:

 

Visto che ci sono alcune cose uscite nel 2016 che sono assolutamente degne di nota e che era un peccato lasciare fuori, ecco altri cinque album che vale la pena di recuperare.

 

[Finlandia]

 

L’aggettivo più calzante che mi viene in mente per descrivere “Awalaï” dei finlandesi Onségen Ensemble è “appassionante”. Perché quello che emerge dall’ascolto delle sei, lunghe tracce che compongono l’album, è il desiderio di raccontare una lunga storia in musica dalla quale diventa via via sempre più difficile staccarsi.
La qualità degli arrangiamenti, la struttura articolata dei brani, l’utilizzo minimale e funzionale delle voci, la costruzione di atmosfere particolari, le soluzioni sonore adottate e la sperimentazione, rendono “Awalaï” un disco da ascoltare molte volte consecutivamente.

 

 [Islanda]

 

In hawaiano Kaleo significa “il suono”. Loro ne hanno di decisamente affascinanti e il disco “A/B” che hanno pubblicato di recente ne è la dimostrazione più lampante.
Atmosfere calde di matrice blues-indie-folk che entrano nelle ossa e rilasciano una rassicurante energia positiva. Più che dall’Islanda sembrano provenire dal profondo degli Stati Uniti, ma in fondo non importa: i confini sono quasi sempre solo nella nostra mente.

 

[Inghilterra]

 

Yellow Days è il progetto del giovanissimo artista britannico George van den Broek: appena diciotto anni e un talento nitido, racchiuso nelle otto tracce di “Harmless Melodies”. Melodie malinconiche, suoni fluidi ed evocativi, intensità nuda in una voce che emana calore profondo. Facile innamorarsene.

 

[Ucraina]

 

L’ascolto di “Echo” degli Atomic Simao dà una di quelle sensazioni di appagamento tipiche di quando si compie un’azione gratificante. La band ucraina mette insieme generi diversi (dall’elettronica al funk, dallo space rock, dalla psichedelia alle trame etniche) ma riesce a tirare l’ascoltatore dentro la propria musica con una forza attrattiva che viene dalla pienezza delle soluzioni sonore.

 

[Taiwan]

 

Dura poco più di 16 minuti il nuovo ep degli Elephant Gym, “Work”, ma sono sufficienti a definire una band le cui trame sonore riescono ad entrare in contatto diretto con i nostri recettori emozionali.
Protagonista è il basso, da cui scaturisce un intelligente post rock che vira talvolta sul pop, talvolta sul math-rock e che, in alcuni episodi, si arricchisce del piano e di una delicata voce femminile.