Archivio Fabio Piccolino

Per la pace, nel ricordo di Tom Benetollo

di Fabio Piccolino


 

Bentovati all’ascolto del Grs Week da Fabio Piccolino

Quella che avete appena ascoltato è “Il Lampadiere”, una celebre poesia di Tom Benetollo, letta da suo figlio Gabriele.

Tom Benetollo è scomparso esattamente venti anni fa: è stato uno dei padri dell’attivismo e del pacifismo italiano, un punto di riferimento per il mondo del terzo settore con la forza delle sue idee.
Presidente di Arci dal 1997 fino alla sua scomparsa, nel 2004, ha lasciato in eredità una visione del mondo basata sui principi della non violenza, dell’inclusione, della solidarietà, e un’etica del lavoro fatta di ascolto, attenzione al prossimo, lungimiranza. Continua a leggere

Un grido per la pace

di Fabio Piccolino


Bentrovati all’ascolto del Grs Week da Fabio Piccolino.

Due anni fa la Russia iniziava l’invasione dell’Ucraina e con essa un conflitto lungo e doloroso: un triste anniversario di morte e distruzione, che non possiamo fare a meno di collegare all’altra grande azione militare in corso, quella di Gaza.
“Fermiamo la criminale follia di tutte le guerre!” è il grido che arriva dai movimenti pacifisti, da migliaia di cittadini e da centinaia di sigle della società civile: sabato 24 febbraio oltre 110 città italiane mobilitate in più di 120 eventi per la Pace. Continua a leggere

Informazione libera e indipendente per difendere la democrazia

di Fabio Piccolino


 

Bentrovati all’ascolto del Grs Week da Fabio Piccolino.

Libertà di stampa e pluralismo dell’informazione sono a rischio: questa è la denuncia che arriva dalla Federazione della stampa, dall’Ordine dei giornalisti e dall’Usigrai, il sindacato dei giornalisti Rai. Al loro fianco si sono schierate molte associazioni di cittadini e del terzo settore che nei giorni scorsi hanno aderito all’appello contro la proposta di legge cosiddetta bavaglio, in discussione in parlamento, che impedirebbe ai giornalisti di rendere noti i contenuti delle custodie cautelari con grave pregiudizio per tutto il lavoro investigativo e informativo dei cittadini, a scapito del diritto dei cittadini ad essere informati. Continua a leggere

Uscire dalla logica dell’emergenza

di Fabio Piccolino


 

Bentrovati all’ascolto del Grs Week da Fabio Piccolino

I numerosi sbarchi di migranti sull’isola di Lampedusa degli ultimi giorni hanno fatto tornare il tema delle migrazioni al centro del dibattito pubblico. Un argomento complesso, a cui la politica ha finora dato risposte che affrontano il problema con un approccio securitario ed emergenziale. Continua a leggere

Il memorandum Ue-Tunisia e il rispetto dei diritti umani

di Fabio Piccolino


 

Bentrovati all’ascolto del Grs Week da Fabio Piccolino.
Il 16 luglio scorso l’Unione Europea ha firmato un memorandum d’intesa con la Tunisia che prevede sostegno economico al Paese africano e cooperazione in ambito migratorio.
Su questo tema, la UE ha stanziato 100 milioni di euro per rafforzare la capacità operativa della Tunisia nelle operazioni di ricerca e salvataggio in mare: l’obiettivo è quello di fermare le partenze di migranti e richiedenti asilo che cercano di raggiungere via mare l’Europa.

Continua a leggere

Alla ricerca di un futuro migliore

di Fabio Piccolino


 

Nei giorni scorsi un’imbarcazione con a bordo 500 persone provenienti da Siria, Egitto, Bangladesh e Pakistan, in fuga dalla Libia, si è messa in contatto con la rete Alarm Phone per il salvataggio in mare. Nonostante i contatti con le autorità responsabili della zona di ricerca e soccorso, Malta ha deciso di non soccorrere queste persone, ma di trasferirle in un carcere di Bengasi, in Libia, in quello che Alarm Phone, Sea-Watch, Mediterranea ed Emergency hanno definito un “criminale respingimento collettivo”. Continua a leggere

Per un futuro di pace

di Fabio Piccolino


 

Bentrovati all’ascolto del Grs Week da Fabio Piccolino

Nei giorni scorsi la carovana Stop The War Now ha raggiunto le città di Odessa e Mykolaiv portando aiuti umanitari e un messaggio di pace e solidarietà. Venti tonnellate di aiuti, 25 generatori, l’impegno di tanti volontari e volontarie, una grande rete di associazioni e organizzazioni.
Perché la guerra in Ucraina, che alle nostre latitudini sembra ormai una dolorosa abitudine, continua ininterrottamente e con essa tutto quello che il conflitto comporta. Continua a leggere