GRS WEEK 24-25 GIUGNO Giovani alla scoperta del futuro

Bentornati all’ascolto del Grs week, in studio Clara Capponi e Anna Ventrella con il supporto di Giovanna Carnevale

Oggi non è facile esprimersi su temi che riguardano l’infanzia, l’adolescenza e la formazione delle nuove generazioni.

Tra le questioni che emergono con forza, oltre le generazioni senza opportunità, le responsabilità della comunità degli adulti, un tema importante è quella della povertà. Quella economica colpisce le famiglie ma produce effetti ancora più gravi sui bambini, perché genera a sua volta povertà educativa e maggiore difficoltà di accesso ad opportunità non solo culturali e scolastiche, ma anche di salute e socializzazione come ci spiega Anna Ventrella nella scheda di oggi

“Gli ostacoli di ordine economico e sociale che limitano il diritto di crescere e di essere eguali fra tutti i bambini, sembrano inarrestabili. Infatti, in Italia, i minori sono sempre più poveri come emerge dai recenti dati Istat:  negli ultimi dieci anni la percentuale di minori in povertà assoluta – oltre 1,1 milioni – è quasi triplicata, passando dal 3,9% della popolazione di riferimento nel 2005, al 10,9% nel 2015, mentre quella dei minori in povertà relativa – più di 2 milioni di bambini e adolescenti – è raddoppiata, passando dal 12,6% al 20,2% nel 2015, con un’impennata di quasi 8 punti percentuali a partire dal 2011. Spesso allo svantaggio economico si accompagna uno svantaggio educativo, quindi abbandono scolastico, oltre che familiare,  baby-criminalità, droga, dipendenze di vario genere, insomma una spirale perversa che è necessario interrompere, per non lasciare bambini e ragazzi privi della possibilità di sviluppare al meglio i propri talenti, capacità e aspirazioni, perché oggi, più che mai,  sono loro la promessa del domani.”

Rimuovere gli ostacoli che limitano di fatto la libertà di crescere e l’eguaglianza fra tutti i bambini è una sfida alla quale la società civile non può ritenersi estranea, tanto che acri e assifero, le reti più rappresentative delle fondazioni italiane, lo scorso 21 giugno hanno dedicato alle nuove generazioni un convegno con i più importanti esperti e rappresentanti istituzionali.

Nel suo intervento Massimo Ammaniti, professore ordinario di Psicopatologia dello sviluppo all’Università Sapienza di Roma ha sottolineato l’importanza educativa della famiglia e della comunità degli adulti (sonoro).

Storie quotidiane ci raccontano che il mondo digitale diventa estensione e parte integrante di quello reale, un mondo che ai ragazzi appare semplice, innocuo, divertente anche se spesso si dimostrano impreparati, fragili, senza risorse. Non bastano le norme, non ultima quella sul cyber bullismo approvata poco più di un mese fa, ma una presa di coscienza educativa forte da parte degli adulti come ci spiega Marzia Masiello, referente per le relazioni istituzionali di AiBI (sonoro).

Ed è tutto per notizie e approfondimenti sul sociale www.giornaleradiosociale.it

Scarica l’audio di questa edizione

Ultime notizie del GRS

Sotto tiro


[caption id="attachment_13301" align="alignleft" width="300"] Amministratori di Avviso Pubblico in corteo[/caption] Sono 454 gli atti intimidatori nei confronti degli…

Tutt’orecchi


È il nome dell’iniziativa coordinata dall’Auser insieme a varie associazioni, con il sostegno del CSV di Asti e…

MigrArti


Al via il progetto del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo che studia e…

Oltre le sbarre


Parte lunedì il campo sportivo per i ragazzi dell’istituto minorile Beccaria di Milano, per promuovere il reinserimento dei…

Altre notizie