Attacco in gay club del Colorado (Usa), Arcigay: “Ostilità politiche, sociali e religiose sulla nostra comunità”


Colorado di sangue

Secondo Arcigay la sparatoria in un gay club negli Stati Uniti, costata la vita a cinque persone, rappresenta un duro attacco per tutta la comunità. Il servizio di Pierluigi Lantieri.
Cinque persone uccise e altre diciotto ferite dall’attacco di sabato notte a Colorado Springs, negli Stati Uniti, dove un uomo ha aperto il fuoco all’interno di un gay club. “Un atto folle che ha seminato lutto e terrore” è il commento del segretario generale di Arcigay Gabriele Piazzoni, che aggiunge: “questo tragico fatto si inserisce inevitabilmente nel solco degli altri attacchi subiti negli ultimi anni. Sulla nostra comunità si concentrano ostilità diverse, di natura politica, sociale, religiosa, che si alleano e prendono corpo in atti d’odio ricorrenti e di una violenza inaudita”.