Archivi categoria: Società

“Erano due di noi”


Commozione e rabbia in piazza Dalmazia a Firenze, sul luogo dove sono stati uccisi i due giovani ambulanti senegalesi. Aumentano mazzi di fiori e candele, portati da tanti fiorentini per esprimere cordoglio e solidarietà all’intera comunità nordafricana. Sabato è prevista, sempre nel capoluogo toscano, una grande manifestazione nazionale per ribadire ancora una volta il no ad ogni razzismo e discriminazione.

Siamo tutti senegalesi


Firenze si risveglia ancora scossa dopo la furia omicida di un simpatizzante neofascista che ieri ha ucciso due cittadini senegalesi e ne ha feriti tre, prima di suicidarsi. Tutto il mondo dell’associazionismo esprime cordoglio per quanto accaduto e ribadisce la priorità di ricominciare a lavorare su temi essenziali di convivenza civile, come l’integrazione sociale e l’antirazzismo.

Disagi e intolleranza


La menzogna di una ragazza che ha denunciato un finto stupro ha scatenato l’ira xenofoba verso la comunità di un campo rom a Torino. Gesto di pochi isolati o il germe di un razzismo diffuso? Lo chiediamo a Don Luigi Ciotti, fondatore di Libera “devo dire che Torino è una città che si è sempre dimostrata accogliente ed attenta. Questo non significa che non vi siano delle frange di persone che sono intolleranti a qualunque forma di diversità e che la trasformano in avversità. Qui però è stata più che altro una vendetta da giustizieri rispetto a questo popolo che abita nelle terre di nessuno, proprio alle periferie più dimenticate delle città nei luoghi più impensati. Però di fatto è da sempre un popolo disprezzato ma per chi lo conosce è una meraviglia, carico di umanità, di poesia, di gioia di vivere ma fortemente penalizzato”.

In piazza per sopravvivere


L’Unione Italiana dei ciechi e degli ipovedenti manifesterà domani con dei sit-in davanti alle Prefetture d’Italia. Obiettivo è ottenere lo stralcio dell’articolo 10 ed il ripristino del contributo compensativo, mirato alla erogazione di servizi essenziali previsto dalla legge 24 del 1996, ma brutalmente ridotto del 98%.

A Natale, il regalo è solidale


L’associazione Libera propone prodotti biologici e beni confiscati alle mafie per i doni sotto l’albero. Con un testimonial d’eccezione, Andrea Camilleri. Ascoltiamolo “le mafie uccidono, trafficano armi, droga, esseri umani, rifiuti tossici. La magistratura e le forze di polizia da sole non bastano. C’è bisogno di tutti. Libera dal 1995 ha liberato beni confiscati ai mafiosi per tutti noi. Per questo io, andrea Camilleri, ho fiducia in Libera”.

Per contare di più


Ieri a Roma si è celebrata la giornata internazionale del volontariato. Tanti ospiti, tra cui il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Ma ascoltiamo un estratto delle conclusioni della giornata affidate ad Andrea Olivero, portavoce Forum del Terzo Settore “questa nostra esperienza nella società e nel nostro paese come un segno di speranza ma anche come un segno di possibile ed autentico cambiamento che parte da noi. Credo che questo sia il nostro modo di affrontare la realtà, di sentirci responsabili in un momento così difficile come quello che stiamo vivendo”.

Mezzogiorno solidale


Se in Italia c’è stato un leggero incremento (10,3%) di nuove attività no profit, al Sud si registrano numeri da record, dove si contano complessivamente 12.112 associazioni di volontariato con una crescita di quelle iscritte del 210,6%. Sicilia e Puglia le regioni dove c’è l’incremento maggiore: oltre il 300%.

Il volontariato fa festa


Servizio di Pietro Briganò e Fabio Piccolino. Si conclude oggi a Roma la Giornata Internazionale del Volontariato. Centinaia di associazioni, volontari e giovani, hanno partecipato da questa mattina alla manifestazione organizzata dal Forum del Terzo Settore, Csvnet e Convol, alla presenza di Giorgio Napolitano e dei ministri Riccardi e Fornero. Quest’ultima intervendo ha definito il volontariato elemento di crescita sociale che arricchisce chi lo pratica e chi lo riceve. Un patrimonio che le istituzioni devono garantire. La neo ministro si è soffermata sul 5 per mille confermando l’impegno per una maggiore efficienza per la gestione dei fondi. Andrea Olivero portavoce del Forum ha consegnato l’appello del volontariato al Presidente Napolitano e ha detto che senza il volontariato non si va da nessuna parte.

Facciamo un pacco alla camorra


Sotto l’albero di Natale i prodotti coltivati sulle terre confiscate alla criminalità. Ben seimila i pacchi regalo che saranno in vendita presso la Bottega dei sapori e dei saperi, giunta alla terza edizione. L’iniziativa è promossa dall’associazione Libera e dal comitato Don Peppe Diana.
 

Verso il 5 dicembre


Lunedì a Roma la giornata internazionale del volontariato. Il portavoce del Forum del Terzo Settore, Andrea Olivero, ci anticipa i temi in programma: “la giornata del volontariato è una giornata sia di commemorazione, di festa insieme, ma anche di riflessione al termine di un anno internazionale ed europeo. Crediamo in questa occasione di dover, da un lato, andare a rendere conto di quello che il volontariato sta facendo e dall’altro andare a chiedere che vi sia più spazio, attenzione e rispetto da parte delle istituzioni della società italiana nei confronti del mondo del volontariato che è una delle grande risorse per la rigenerazione del nostro Paese”.