Archivi categoria: Società

Porte aperte


Sedi di nuovo attive per gli anziani, “con gradualità e nel pieno rispetto delle norme”. Inizia la Fase 2 e Auser – associazione per l’invecchiamento attivo – riapre quei presidi che svolgevano attività ricreativa e culturale, da Nord a Sud dell’Italia. I suoi volontari  non si sono mai fermati garantendo servizi di consegna della spesa e dei farmaci, ascolto e compagnia telefonica.

Time to Care


È il servizio che giovani tra i 18 e i 35 anni, per i prossimi sei mesi, potranno svolgere per aiutare le famiglie con persone anziane o quelli che vivono da soli. Il personale avrà un contratto e sarà formato dalle organizzazioni di Terzo Settore. A renderlo possibile il protocollo firmato dalla Ministra Elena Bonetti e dal Ministro Vincenzo Spadafora, con uno stanziamento di 5 milioni di euro per il 2020.

A piccoli passi


I servizi per le persone con disabilità dovranno essere riattivati in base ai Piani territoriali adottati dalle Regioni. Per questo le associazioni lombarde che ne tutelano i diritti hanno chiesto un tavolo di confronto per favorire la ripartenza dei servizi indispensabili per loro e per le loro famiglie. Dalla Regione, spiega Valeria Negrini, portavoce del Forum Terzo Settore Lombardo, sono arrivati “primi segnali positivi”.

Per gli ultimi


Ordine degli Assistenti sociali e Alleanza contro la Povertà chiedono al premier Giuseppe Conte un piano di interventi concreti che tuteli i più poveri e più fragili. Tra le misure necessarie: anticipare le risorse per il Fondo nazionale Politiche Sociali, la Non Autosufficienza e il Contrasto alla Povertà, e rinforzare le strutture del servizio sociale territoriale.

Riconosciuti


Cabina di Regia tra Governo e Terzo settore con Regioni, Comuni e Province. Ascoltiamo il servizio di Anna Monterubbianesi.

Si è tenuta ieri la Cabina di Regia sul Terzo settore alla presenza del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e della Ministra del Lavoro Nunzia Catalfo. Un incontro in cui il Governo ha preso impegni precisi per sostenere il Terzo settore, del quale è stato riconosciuto il ruolo importante in questa emergenza e il contributo imprescindibile che potrà dare per l’uscita dalla crisi. Tra le proposte fatte, l’impegno ad estendere anche a tutte le organizzazioni le misure straordinarie di sostegno  già previste per le imprese e l’impegno ad accelerare le erogazioni del 5 per mille. Molto importante anche l’attenzione data all’attività di co-programmazione e co-progettazione tra pubblico e privato, tra Comuni e Terzo settore. La Cabina di Regia è stata l’occasione anche per fare il punto sulla Riforma del Terzo settore. Bene per il Forum Terzo Settore gli impegni del Governo, ora un tavolo permanente per collaborare a post-emergenza e un incontro con task force che sta definendo le priorità per l’uscita dal lockdown.

Ripartiamo dall’ambiente


ll 2020 si è aperto all’insegna dell’emergenza smog. Poi è arrivato il virus. Per fare chiarezza su quello che sarà il post lockdown e per parlare dei cambiamenti da mettere in atto sul fronte del funzionamento della società e dei comportamenti collettivi, Legambiente organizza per oggi pomeriggio un webinar speciale.

 

Case della paura


Di fronte alla strage di migliaia di anziani nelle Residenze sanitarie assistite (metà dei decessi totali causati dal Covid 19), i Giovani per la Pace – movimento di studenti medi e universitari della Comunità di Sant’Egidio – si mobilitano in tutta Italia con la campagna “Salviamo i nostri anziani”. L’iniziativa ha preso il via con un video-appello, che si sta diffondendo rapidamente sui social e attraverso l’hashtag #SalviamoINostriAnziani.

Un Fondo anche per noi


Il volontariato toscano rischia di fermarsi e interrompere la propria attività fino ad oggi fondamentale nella gestione della emergenza. Nel Decreto Liquidità viene infatti negata alle organizzazioni del volontariato l’estensione dell’accesso al Fondo Nazionale di Garanzia. “Così non possiamo andare avanti”, è l’allarme lanciato da Cesvot e Forum Toscano del Terzo Settore che fanno appello a un intervento della Regione. Tra le richieste, oltre il credito, anche le agevolazioni sulle spese di sanificazione.

Sportello in rosa


L’Associazione Italiana Donne Medico (AIDM) lancia la campagna Donne e Salute al tempo di Coronavirus con il numero verde gratuito 800.189.441 per garantire, anche in questo periodo di emergenza, ascolto, consigli specialistici, o per rispondere a dubbi, incertezze e richieste d’informazione.

Diritto allo studio


Per tutti. Si avvicina la fase 2 ma il ministero “dimentica” la disabilità. La denuncia di Fish e Fand nel servizio di Anna Monterubbianesi.

Si comincia a pensare alla fase 2 e si dovrà tenere in conto anche dei diritti delle persone con disabilità. Secondo le associazioni sono molte le priorità, ma prima di tutto nel Comitato nominato dal ministero dell’Istruzione per mettere a punto il piano generale per la scuola post-emergenza andrebbe previsto anche un esperto di disabilità. Questa mancanza è un errore che Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano, presidenti di Fish e Fand, definiscono ‘grave’. Il diritto allo studio, la formazione di migliaia di studenti, la necessità di innovare le tecniche, le strutture, i procedimenti e le logiche della formazione sono sfide delicate che non possono tralasciare il tema della disabilità. Un errore tanto più grave considerate le già numerose lacune riservate agli alunni con disabilità nella Fase 1. L’appello quindi alla ministra Azzolina a compensare questa lacuna nell’interesse di tutti.