Archivi categoria: Società

In miseria


Il rapporto di Caritas Italiana, pubblicato in occasione della Giornata mondiale, fotografa i gravi effetti economici e sociali dell’attuale crisi sanitaria: i nuovi poveri aumentano del 45% rispetto allo scorso anno e nel 2020 quasi una persona su due si è rivolta alla Caritas per la prima volta.

Il Paese sta affrontando una grave recessione con una importante flessione del Pil e con l’occupazione che registra un calo di 841mila occupati rispetto al 2019. Inevitabile l’aumento progressivo delle persone in stato di bisogno estremo.

“Tutto torna: storie circolari”


Ridurre, riutilizzare, riusare e riciclare per sottrarre i prodotti alle discariche ed entrare a far parte di un modello virtuoso di produzione che limita al massimo lo smaltimento. Un modello che è inoltre in grado di generare occupazione e favorire inclusione sociale. Questo al centro del contest sull’economia circolare aperto a tutti, promosso dal progetto ECCO di Legambiente. Iscrizioni fino al 31 dicembre.

Custodi della fragilità


Si chiama così il convegno promosso da Uneba in programma a Padova, Capitale europea del volontariato il 16 e 17 ottobre. Un titolo che richiama all’impegno dei quasi 1000 enti di Uneba in Italia, dediti all’assistenza ad anziani, a persone con disabilità, a minori con difficoltà familiari.

Ascoltiamo Fabio Toso, direttore di Fondazione Opera Immacolata Concezione, che co-organizza l’evento.

Comincio da zero


È il nuovo bando per progetti dedicati alla prima infanzia promosso da “Con i Bambini”. Il bando, alla seconda edizione, ha l’obiettivo di incrementare l’offerta di servizi educativi e di cura per la prima infanzia, nei territori con maggiore necessità ed è rivolto a partenariati promossi dal mondo del Terzo settore.

In crescita


Continuano a essere positivi i dati Istat sulle istituzioni non profit attive in Italia. L’Istituto ha presentato i dati aggiornati al 2018. Ascoltiamo il servizio di Anna Monterubbianesi.

Sono quasi 360 mila le istituzioni non profit attive in Italia – in particolare al Sud  – che impiegano 853 mila dipendenti. Numeri che continuano a far registrare al settore un trend positivo, anche in termini occupazionali, con un 2% in più rispetto alla precedente rilevazione. Sono i dati del censimento Istat che da diversi anni fotografa lo stato e le caratteristiche del Terzo settore nel nostro Paese.

“Il mondo del non profit riesce a dare ancora un determinante contributo nel riequilibrio delle diseguaglianze di sviluppo e quindi di investimento nelle aree deboli del Paese, confermando la sua mission. È tempo che il nostro Paese lo valorizzi con politiche fiscali, di infrastutturazione dei servizi, di sostegno, e quindi di scelte di destinazione e allocazione delle risorse pubbliche.” ha commentato la portavoce del Forum Terzo Settore Claudia Fiaschi.

“Una ferita che lacera il Paese”


Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha definito gli infortuni sul lavoro in occasione della 70° Giornata nazionale per le vittime, promossa dall’Anmil. Nei primi otto mesi del 2020 le denunce di infortunio mortale sono state 823, con un aumento del 20,1% rispetto all’anno precedente. Tra le cause l’infezione da Covid, con 178 medici e 41 infermieri morti per aver contratto il virus in corsia o in ambulatorio.

I crimini più odiosi


Alla vigilia della Giornata Mondiale delle Bambine (11 ottobre), Terre des Hommes presenta la nona edizione del Dossier della Campagna “Indifesa” per accendere i riflettori sui diritti negati a milioni di minori in Italia e nel mondo e per assicurare loro un futuro di dignità.  Dal 2009 al 2019, il fenomeno delle violenze nei loro confronti rivela tutta la sua drammaticità con una crescita di quasi tutte le fattispecie di reato, dai maltrattamenti in famiglia, alla violenza sessuale alla pornografia.

Un altro approdo è possibile


Il Consiglio dei ministri ha varato il decreto che modifica alcune parti della normativa precedente su sicurezza e immigrazione. Soddisfazione delle associazioni che evidenziano però anche alcuni punti critici. “Una nuova stagione nel segno dei diritti e dell’interesse generale” è il commento dell’Arci e “Solo un primo passo verso una radicale riscrittura delle politiche sulle migrazioni” è l’auspicio del Cnca.

Ri-vivere insieme


Parte nella provincia di Salerno il progetto di housing sociale per padri separati, che offre ospitalità, percorsi di orientamento socio-lavorativo e di sostegno all’autonomia e la possibilità di sperimentare un welfare generativo, in grado di praticare la solidarietà come stile del vivere comune. Il sostegno è della Fondazione Con Il Sud.

La metà del cielo


Il Giusto Mezzo, un gruppo di donne della società civile, scrive una lettera al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte e a tutto il Governo per chiedere il 50% dei fondi del #RecoveryFund per politiche integrate. Ascoltiamo il servizio di Anna Monterubbianesi.

Oltre 22.000 donne hanno firmato la lettera indirizzata al presidente del Consiglio per chiedere che almeno metà delle risorse del Recovery Fund siano destinate a politiche integrate di genere e a interventi sistemici in grado di attivare un effetto moltiplicatore del pil. La richiesta parte da Il giusto mezzo, movimento di donne della società civile e si basa su uno studio che dimostra come i fondi siano ad oggi in maggioranza destinati a settori tradizionali e ad elevata concentrazione di forza lavoro maschile, quando in realtà l’attuale crisi economica e sociale ha colpito maggiormente settori lavorativi a concentrazione femminile, come il settore della salute e i servizi alla persona.

Secondo i dati dell’ Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, solo il 45% del tempo lavorativo delle donne viene retribuito, a fronte del 67% degli uomini. Tra le richieste principali: il rafforzamento delle infrastrutture sociali per la cura della prima infanzia e il rilancio dell’occupazione femminile.