Archivi categoria: Società

Fine mese mai


Salute e alimentazione sono i due terreni fertili delle diseguaglianze in Italia. È la fotografia di Federconsumatori in uno studio sugli anni 2013-2018. Una ferita, sottolinea l’associazione, che si riflette nella vita quotidiana e nella gestione del portafoglio familiare.

Il Paese ritrovato


È il nome del villaggio inaugurato a Monza dalla cooperativa Meridiana che rivoluziona il modo di intendere la cura e l’assistenza e offre alle persone malate di Alzheimer e con demenza la possibilità di vivere in libertà, usufruendo, al tempo stesso, della necessaria assistenza e protezione. Una vera e propria cittadina con vie, piazze, giardinetti, negozi, teatro, chiesa, orti e appartamenti.

Fermi tutti


Forte il disaccordo di Anpas, Croce Rossa Italiana e Misericordie al riordino dei programmi di formazione per soccorritori che prevedono un numero di ore sproporzionato e insostenibile per i volontari e che avrebbero forti ripercussioni sulla tutela al diritto alla salute dei cittadini. La richiesta è che si trovi presto una soluzione condivisa.

Un’Italia spaccata in due


È quanto emerge dal primo rapporto sulla povertà educativa minorile. Il servizio di Anna Monterubbianesi.

 

Nel suo rapporto sulla povertà educativa minorile in Italia, Con i Bambini esplora la situazione di asili nido, biblioteche, scuole con palestra e raggiungibilità delle scuole. Ne emerge una spaccatura Nord-Sud, che vede la più alta concentrazione di minori al Sud, dove si registra, contemporaneamente, maggiore carenza di servizi. Il tema della raggiungibilità delle scuole, che per i 6,7 milioni di alunni degli istituti statali italiani, dalla primaria alle superiori, dovrebbe essere un aspetto primario, è garantito per gli studenti di Basilicata, Marche e Abruzzo, ma non così scontato per chi vive nel Lazio, Campania e Calabria. Il Rapporto, che per la prima volta aggrega i quattro aspetti e utilizza una banca dati comunale, fotografa anomalie positive e negative: Ragusa è sopra la media europea per gli asili mentre Venezia e Milano si distinguono per la carenza di palestre all’interno delle scuole.

Un’occasione persa


Così Antigone commenta la mancata riforma dell’ordinamento penitenziario promessa dal governo. Secondo l’associazione la legge risale al lontano 1975 e il Consiglio dei Ministri poteva adeguarla alle esigenze del mondo attuale.

Fqts 2020


In corso a Salerno un nuovo appuntamento del progetto di formazione promosso da Forum Terzo Settore e Csvnet. Oggi pomeriggio l’economista e filosofo francese, Serge Latouche, incontrerà il mondo del non profit italiano partecipando al dibattito “Quale sostenibilità per il benessere dei prossimi decenni?”.

Al lavoro


Convocata per oggi la seduta di insediamento del Consiglio Nazionale del Terzo settore che sarà presieduta dal Ministro delle Politiche sociali, Giuliano Poletti. Il nuovo organismo è previsto dall’articolo 58 del codice del Terzo settore e ne fanno parte diversi esponenti del mondo associativo.

Facciamo un patto sull’infanzia?


Unicef Italia lancia ai partiti nove proposte a tutela dei minori. Il servizio è di Anna Monterubbianesi.

 

In Italia 1 milione e 292 mila bambini vivono in condizioni di povertà assoluta. Dati, che ricorda l’Unicef, peggiorano negli anni. Per questo l’associazione chiede ai candidati di attuare un patto di fiducia lanciando 9 proposte per un’Italia a misura di bambini e ragazzi, a partire dalla riduzione della povertà, che non è solo privazione materiale, ma soprattutto carenza di opportunità e di inclusione sociale. I minori che vivono in povertà subiscono svantaggi sul piano dell’istruzione, di cure sanitarie adeguate, di cibo sano, di alloggi salubri, di giochi, di sport e di vacanze. Fino al 18 marzo sarà attiva la petizione “Facciamo un patto?” per sostenere le richieste dell’Unicef Italia ai candidati.

Banco di prova


Nella prossima legislatura, parta subito l’iter di approvazione di una rigorosa legge di regolamentazione dell’azzardo. È questo l’invito che la campagna Mettiamoci in gioco ha rivolto a tutti i candidati alle prossime elezioni politiche, a qualunque schieramento appartengano.

Urne libere


L’associazione italiana persone down pubblica una guida con le istruzioni fondamentali, in un linguaggio facilmente comprensibile anche a chi ha una disabilità intellettiva. E raccomanda: “Votare è il modo che abbiamo per far conoscere le nostre idee ai politici. Per questo è importante andare”.