Podcast

Squid Game: i minori senza adulti tra gioco e realtà

di Redazione GRS


 

Si chiama Squid Game, è una serie tv coreana su Netflix e sta battendo record su record con oltre 100 milioni di account collegati per la visione. E, soprattutto, sta alzando polemiche molto forti sul rischio emulazione dei minori.

La trama dei 9 episodi vede un gruppo di 455 persone scelte tra i diseredati, indebitati e malati terminali della società partecipare a un gioco con diverse prove con un montepremi pari a 35 milioni di euro: solo che chi non supera giochi come 1,2,3 stella muore in questo grande bunker dove uomini in tuta e armati provvedono a eliminare i corpi.

La serie ha un grande impatto perché attraverso la metafora del gioco racconta la realtà crudissima dei meccanismi di detenzione, controllo, ingiustizia sociale e regole di “mercato”.

Ascolta Ad Alta Velocità, la rubrica quotidiana a cura di Giuseppe Manzo – giornale radio sociale

Green pass day: i numeri (e i disagi) della minoranza no vax in Italia

di Redazione GRS


 

Italia blindata nel giorno del Green pass obbligatorio per i lavoratori. Allerta per il blocco annunciato del porto di Trieste e per tutte le manifestazioni previste nei luoghi sensibili come strade, ferrovie e fabbriche.

Ma quali sono i settori più a rischio oggi? I disagi si prevedono soprattutto nei trasporti pubblici (50 assenze annunciate e un 15% in più di dipendenti in malattia a Milano, un migliaio di autisti non vaccinati a Roma, 300 a Napoli, 270 a Torino).

Per Fondazione Gimbe “con centinaia di migliaia di lavoratori sprovvisti della certificazione verde di fatto impossibilitati ad effettuare un tampone, il Governo deve prendere in considerazione una proposta”.

Ascolta Ad Alta Velocità, rubrica quotidiana a cura di Giuseppe Manzo – giornale radio sociale

Inclusione sociale delle persone in stato di marginalità: intervista a Alessandro Radicchi di Binario 95

di Admin GRS


 

Dal 14 al 17 ottobre torna “Termini Sociali”la manifestazione che fa incontrare il ‘sociale’ di Roma con esperti, cittadini e istituzioni sulle tematiche dell’inclusione sociale delle persone in stato di marginalità.
Ne parliamo con Alessandro Radicchi, presidente di Binario 95

Le “terre dei fuochi”, emergenza dimenticata: i danni per la salute

di Redazione GRS


 

Meno uno al venerdì nero o presunto tale contro il green pass obbligatorio con le minacce di sciopero e blocchi che si estendono dai porti di Trieste, Genova fino a Gioia Tauro. Nelle prossime si vedrà se c’è spazio per un nuovo compromesso e una svolta alla vigilia di piazze infuocate, sabato è anche prevista la manifestazione nazionale antifascista

Nelle cronache ha meno fortuna, però, un’altra emergenza. Quella della terra dei fuochi, anzi delle terre dei fuochi. Ieri ad Airola (Benevento) è divampato un enorme rogo di un impianto dove era stoccate plastiche e solventi. Sempre ieri sono arrivati i dati che parlano delle conseguenze sulla salue”Ci sono rischi riproduttivi molto importanti nel 60% di giovani sani, parliamo di 18enni, residenti nelle aree di Brescia, della Valle del Sacco del frusinate e nella Terra dei Fuochi”.

Ascolta Ad Alta Velocità, la rubrica quotidiana a cura di Giuseppe Manzo – giornale radio sociale

Proteggere il dono della vista. Intervista ad Andrea Cusumano dell’Università Tor Vergata di Roma

di Admin GRS


 

In occasione della Giornata Mondiale della Vista che si celebra domani, giovedi 14 ottobre,
l’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti ribadisce l’importanza della prevenzione come strada maestra per scongiurare il fenomeno della perdita parziale e totale della vista. Un’emergenza in forte crescita nel nostro Paese che già vede a rischio oltre 3 milioni di persone e l’aumento delle patologie visive sia tra i giovani che nella popolazione più anziana.
Ne parliamo on Andrea Cusumano, professore di oftamologia presso l’Università Tor Vergata di Roma.

La mobilitazione in Sudafrica per chiedere vaccini e stop brevetti

di Redazione GRS


 

Mentre nel nostro Paese è in atto lo scontro sul green pass nei luoghi di lavoro e le piazze no vax imperversano con il loro carico di violenze, in un’altra parte del mondo ci sono mobilitazioni per chiede vaccini e la sospensione dei brevetti.

A pochi giorni da nuove discussioni presso l’Organizzazione Mondiale del commercio (OMC), e della sua prossima conferenza ministeriale di fine novembre, Medici Senza Frontiere (MSF), insieme ad attivisti e organizzazioni della società civile, si sono mobilitati ieri mattina fuori dalle ambasciate di Stati Uniti, Belgio e Olanda a Tshwane, in Sudafrica, per chiedere di velocizzare le negoziazioni sulla sospensione dei brevetti e di altri diritti di proprietà intellettuale su farmaci, test diagnostici e vaccini utili per la risposta al Covid-19 in deroga agli accordi TRIPS .

Ascolta Ad Alta Velocità, rubrica quotidiana a cura di Giuseppe Manzo – giornale radio sociale