Podcast

Ddl Zan: l’esultanza di un Parlamento fuori dalla realtà

di Redazione GRS


 

Il voto contrario al Ddl Zan è il tema principale di scontro politico e dentro l’opinione pubblica, e nel notiziario delle 12 ascolteremo le voci del mondo Lgbt. Ieri al Senato è passata la cosiddetta “tagliola”, si tratta di una procedura parlamentare che viene prevista dal regolamento del Senato all’articolo 96, quello sulla “Proposta di non passare all’esame degli articoli”.

A far discutere dopo il voto è stata la reazione da stadio dei banchi del centrodestra con il senatore Simone Pillon in versione capoultrà a guidare i festeggiamenti: “oggi parlano i fatti”, dice. Lo scrittore Roberto Saviano così scrive sulla sua pagina Facebook: “È una vittoria questa? È una vittoria difendere atti e argomenti discriminatori?

Si chiude questo capitolo ma non si fermano i processi di emancipazione e di genere nel Paese. Questo pasticcio parlamentare ha solo rinviato nelle istituzioni ciò che vive nelle nuove generazioni sui temi dei diritti civili.

Ascolta Ad Alta Velocità, la rubrica quotidiana a cura di Giuseppe Manzo – giornale radio sociale

Clima, covid e pensioni: autunno Italia

di Redazione GRS


 

Nel Paese che finisce sott’acqua come a Catania dove è caduta in 3 la quantità di pioggia di 6 mesi provocando morti, allagamenti e danni torna la tensione per le pensioni.

Sull’Ansa si legge la cronaca del tavolo di ieri governo-sindacati: “Il percorso sarà graduale, ma si tornerà al sistema ordinario delle pensioni disegnato dalla legge Fornero. I toni si inaspriscono soprattutto quando, dopo poco meno di due ore il premier, “per un altro impegno”, lascia il tavolo”.

L’oceanografo spiega cosa sta accandendo nello Ionio con i “piccoli uragani locali” mentre risale il numero dei positivi a Covid in attesa della terza dose per tutti.

Ascolta Ad Alta Velocità, rubrica quotidiana a cura di Giuseppe Manzo – giornale radio sociale

L’uragano mediterraneo sulla Sicilia e il record di gas serra

di Redazione GRS


 

Ieri i vigili del fuoco hanno svolto 400 interventi in Sicilia e 180 in Calabria, maggiori criticità a Catania, Siracusa, Reggio Calabria e Vibo Valentia. Mareggiate e danni alle Eolie, con i traghetti fermi, in Calabria le scuole sono chiuse.

Il maltempo che imperversa sulla Sicilia sta causando disagi anche al traffico aereo. Sono stati decine i voli cancellati o dirottati soprattutto a Catania ma a cascata anche all’aeroporto di Palermo. Si è rafforzato fino ad essere classificato come uragano mediterraneo.

I cambiamenti climatici e gli eventi estremi anche nel nostro Paese che vive la totale assenza di interventi di manutenzione del territorio sono diventati cronaca quotidiana.  L’eccesso di gas serra nell’atmosfera lo scorso anno ha raggiunto ancora una volta un nuovo record.

Ascolta Ad Alta Velocità, rubrica quotidiana a cura di Giuseppe Manzo – giornale radio sociale

Così nel 2021 sono aumentati reati informatici e violenza urbana

di Redazione GRS


 

Si alza l’attenzione e anche lo scontro sul tema delle pensioni. L’Ansa scrive che “Le prossime ore serviranno a trovare, con la maggioranza e con le parti sociali, una difficile intesa sui tanti nodi ancora da sciogliere, a partire dal meccanismo per superare Quota 100”.

Oltre al lavoro e alle pensioni è anche il tema della criminalità a tenere banco. Il Sole24Ore pubblica l’indagine sulla criminalità. “Oltre ottocento reati informatici al giorno nei primi sei mesi di quest’anno. Così il crimine “digitale” è arrivato a pesare quasi la metà rispetto ai fenomeni predatori”.

Ascolta Ad Alta Velocità, rubrica quotidiana a cura di Giuseppe Manzo – giornale radio sociale

Pandemia e disuguaglianze

di Fabio Piccolino


 

Bentrovati all’ascolto del Grs Week da Fabio Piccolino.
Più di un anno e mezzo di pandemia mondiale hanno acutizzato differenze e disuguaglianze nel mondo.
Nelle aree del pianeta che già prima dell’emergenza vivevano condizioni di forte criticità, il Covid-19 ha determinato un ulteriore fattore di incertezza, e la distribuzione dei vaccini ne ha accentuato le disparità: le nazioni ad alto reddito hanno donato a quelle povere solo 261 milioni di vaccini Covid, a dispetto degli 1,8 miliardi di dosi promesse. A farne le spese è soprattutto l’Africa, dove solo il 5% della popolazione risulta immunizzata. Continua a leggere