Archivi categoria: Diritti

Creativi speciali


Oltre 50 ore di diretta web, 820 iscritti con una media di 300 persone collegate in streaming nella giornata di apertura e 200 nella seconda, più di 40 sessioni tenute da 70 speaker e conferenze in parallelo: sono i numeri della maratona online degli Accessibility Days 2020, organizzata tra gli altri dall’Unione ciechi e ipovedenti di Ancona e Bologna, con Rai Pubblica Utilità, Microsoft e Istituto Ciechi di Milano come partner, per promuovere l’accesso alla rete delle persone con disabilità.

L’importanza della famiglia


In occasione della Giornata Europea dedicata ai fratelli e alle sorelle di una persona con malattia rara e/o disabilità, l’Omar (Osservatorio Malattie Rare) ha promosso nuove iniziative. Si comincerà dai Gruppi Esperienziali che si protrarranno per tutto il mese di giugno. Al termine del percorso verranno elaborate delle Linee Guida da mettere a disposizione delle Famiglie e delle Associazioni.

Vietato discriminare


Superare logiche e prassi delle strutture residenziali chiuse, per persone con problemi di salute mentale, anziani e persone con disabilità, sostituendo “i luoghi dell’esclusione con i luoghi della vita”. È uno dei temi emersi dalla Conferenza Nazionale per la Salute Mentale che si è tenuta sabato scorso. Evidenziare le carenze sistemiche, culturali e delle pratiche che l’emergenza ha messo in luce, così come la tenuta dei buoni servizi e le pratiche emancipative da rafforzare dovranno essere le nuove linee guida per abbattere le discriminazioni.

Viva l’articolo 3


Settantadue anni di lotte per affermare la dignità di tutti i cittadini. Ripartiamo da quello che afferma la nostra Carta Costituzionale. Il servizio è di Paolo Andruccioli.

Il 2 giugno di quest’anno, festa della Repubblica, si celebra in un momento molto particolare della storia del nostro Paese. Per noi la ripresa dovrà ripartire dalle conquiste sociali e civili ed è per questo che vogliamo ricordare qui quell’articolo 3 della Costituzione che obbliga la Repubblica a rimuovere tutti gli ostacoli che impediscono l’uguaglianza dei diritti e lo sviluppo di ogni persona. Articolo 3 – Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese.

Prevenire è meglio che curare


La Sicilia va verso una legge contro il cyberbullismo. Lo ha annunciato Gianna Cappello, presidente di Med (Associazione italiana per l’educazione ai media e alla comunicazione) che ha fatto parte, dal 2018, del tavolo tecnico sul tema promosso dal garante dei diritti dell’Infanzia e dell’adolescenza. Il testo, che è pronto per andare in aula, è connotato dal fatto che parla di bullismo e cyberbullismo in chiave preventiva prevedendo quindi degli interventi educativi concreti per evitarlo.

L’ospite gradito


Il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è intervenuto in diretta a sorpresa sulla Radio dell’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti. Dalla sua voce gli auguri più affettuosi alle ragazze e ai ragazzi che si preparano a sostenere gli esami di maturità. Particolari parole d’affetto per gli studenti con disabilità: “Nessuno deve essere lasciato indietro”, ha detto. Il saluto del premier è arrivato al termine di una trasmissione dedicata alla scuola e ha suscitato grande emozione e vivo apprezzamento.

Non siamo nati per soffrire


È lo slogan scelto da Cittadinanzattiva per la campagna sulla legge 28 del 2010 che festeggia il suo decimo compleanno. Si tratta di un testo che regolamenta l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore e che pone il nostro Paese in una posizione di avanguardia. L’iniziativa ha preso il via con un questionario rivolto ai cittadini per indagare l’effettiva conoscenza dei contenuti della norma e un depliant informativo digitale. A dieci anni dalla promulgazione sono stati fatti molti passi avanti, ma molto resta ancora da fare per la sua piena attuazione.

Summer Milan


Il Forum del Terzo settore del capoluogo lombardo ha scritto una lettera al sindaco Sala con alcune proposte su un modello di metropoli a misura di bambini e anziani. Il servizio di Paolo Andruccioli.

“Facciamo di Milano una summer city, a partire dai bambini e dagli adolescenti, con uno sguardo particolare ai minori con disabilità”. E’ quanto si legge nella lettera aperta al sindaco scritta dalle associazioni del Terzo Settore che immaginano il capoluogo lombardo capace di orientare gli adulti verso comportamenti responsabili per conciliare sicurezza e socialità. Un luogo fisico che premi l’utilizzo della bicicletta e che offra occasioni ai commercianti ed ai ristoratori per ampliare i loro orari di apertura . Insomma una città aperta che sappia parlare a tutto il Paese. Ovviamente gli enti e le associazioni che aderiscono al Forum si mettono a disposizione.

“Campania solidale”


È il nome del nuovo progetto che mette in rete nella regione i centri di servizio, il terzo settore e gli enti locali per aiutare le persone con disabilità e le loro famiglie. Lo ha annunciato il Garante regionale dei diritti delle persone con disabilità. Oltre a Caritas, Croce rossa locale e Università Federico II di Napoli, anche i centri di servizio per il volontariato hanno aderito al progetto contribuendo a potenziare la collaborazione già esistente con il Garante. Il loro compito sarà quello di promuovere le attività delle organizzazioni coinvolte, in particolare servizi per l’integrazione e inclusione  sociale ma anche di assistenza leggera, supporto psicologico, consegna di farmaci e molto altro.

Manca qualcosa


“Pur apprezzando lo sforzo del governo sul decreto rilancio, manteniamo le nostre perplessità sugli aspetti del lavoro, della flessibilità, della protezione in particolare dei lavoratori con disabilità o con esiti da patologie oncologiche o, ancora, con problemi di immunodeficienza”. Lo dichiarano Vincenzo Falabella e Nazaro Pagano, rispettivamente presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap e Presidente della Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità. In particolare le associazioni nutrono forti preoccupazioni sull’articolo sulla sorveglianza sanitaria.