Archivi categoria: Diritti

Finalmente libero


Il tribunale di Locri ha revocato il divieto di dimora nei confronti di Mimmo Lucano, da mesi ormai relegato nella vicina Caulonia a causa della misura restrittiva che gli impediva di rientrare in paese. Già ieri l’ex sindaco di Riace è potuto tornare a casa e riabbracciare l’anziano padre malato di 94 anni. Il commento di Francesca Chiavacci, presidente dell’Arci. (sonoro)

Speranze sociali


Con il giuramento del nuovo governo Conte appoggiato da M5S, Pd e Leu si apre una nuova fase politica. Tanti i commenti dal mondo dell’associazionismo e una speranza comune: che i temi del Terzo settore, e in generale della solidarietà, potranno finalmente avere il rispetto e la considerazione che meritano.

Troppi rifiuti


Aumenta in Italia la percezione dello spreco alimentare che si conferma essere per lo più domestico. A confermarlo sono gli ultimi dati dell’Osservatorio Waste Watcher di Last Minute Market/Swg, secondo cui 7 connazionali su 10 dichiarano di sprecare soprattutto cibo.

Campanella stonata


A meno di una settimana dal rientro sui banchi, la scuola deve affrontare i problemi di sempre. Il servizio di Katia Caravello. Il prossimo 9 settembre gli studenti del Piemonte saranno i primi a rientrare in classe. Si apre un nuovo anno scolastico, ma i problemi sono vecchi! All’appello  mancheranno migliaia di docenti: non si trovano professori da assumere in ruolo e così, ancora una volta, si farà ricorso ai  supplenti  – si stima 25.000 in più – con buona pace della continuità didattica. Con la crisi di Governo di metà agosto è andata in fumo la possibilità di stabilizzare 55.000 precari. La situazione per gli alunni con disabilità è ancora più drammatica: quasi 1 su 2 non avrà un docente di ruolo e specializzato sul sostegno. Ma i problemi della scuola non finiscono qui: mancano i direttori delle segreterie in 1 istituto su 3. Insomma, la fotografia del primo giorno è quella di una scuola sempre più precaria… e a farne le spese saranno studenti e insegnanti!

Prima le persone


Conclusa la fase del governo a trazione Lega, reti e associazioni si augurano ora un cambio di passo sulle politiche migratorie. Più umanità e meno criminalizzazione: è l’invito della campagna Ero straniero. Ai nostri microfoni don Virginio Colmegna, presidente della Casa della Carità. (sonoro)

Vogliamo studiare!


Al via il crowdfunding per i bambini vittime di sgombero promosso dall’associazione Famiglie Accoglienti, per comprare libri al piccolo Rayane e agli altri minori mandati via da Primavalle, alla periferia di Roma. Ascoltiamo il responsabile dell’iniziativa Fabrizio Tonello.

Ops!


È il curioso nome del nuovo progetto del Centro Antartide di Bologna che impiega gli studenti di sociologia dell’Università per migliorare il tempo di attesa in ospedale. Come? Portando un bicchiere d’acqua o un caffè. Oppure offrendo semplicemente ascolto e attenzione.

Si può fare


Riconoscimento ufficiale da parte della giunta regionale della Lombardia per Ledha e Fand, nella rappresentanza delle istanze delle persone con disabilità, come previsto dalla Convenzione Onu. “Ci auguriamo – sottolineano le due realtà – che questa decisione porti a un riconoscimento formale della nostra attività”.

La favola di Bouba


A Sassari il primo laureato con protezione internazionale. Il servizio di Katia Caravello. Bakary Coulibaly è un ragazzo di 32 anni, arrivato in Italia dal Mali su uno dei barconi della morte che solcano il Mediterraneo in fuga da guerre e carestie.Da pochi giorni è dottore magistrale in Pianificazione e politiche per la città, l’ambiente e il paesaggio. Un traguardo che mai avrebbe potuto immaginare prima che una ong lo salvasse dalle onde del Canale di Sicilia. Prima di partire, nel suo Paese, si era laureato in antropologia. Arrivato in Italia e ottenuta la protezione internazionale esprime il desiderio di proseguire negli studi. Un obiettivo reso possibile da una borsa di studio della Conferenza dei rettori delle Università italiane. Così nei giorni scorsi, al termine della discussione di una tesi sugli effetti urbani delle migrazioni si è guadagnato un meritato e sudato 110. Il suo nuovo sogno? Continuare a far ricerca e insegnare.

Utile o dannosa?


Dopo il via libera del premier Giuseppe Conte alla Tav, il Paese si divide sui costi e benefici della tratta ferroviaria ad alta velocità. Da sempre contraria alla Torino-Lione è Legambiente. Ascoltiamo perché dalla voce del presidente regionale Fabio Dovana (sonoro)