Archivi categoria: Società

Dilloagiulia


È il nome della piattaforma online risultato concreto della campagna #donotcover, finanziata dal dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Brescia. Il sito, infatti, è un luogo dove le vittime di omotransfobia possono lasciare una testimonianza in anonimo degli abusi subiti, mostrando agli italiani come si concretizzi la discriminazione nei confronti delle persone lgbt.

Si può fare


Adottati il piano annuale e quello triennale per la programmazione del servizio civile universale che definisce azioni, progetti e risorse necessarie. Un testo positivo e ambizioso, secondo la Cnesc che però chiede di aumentare a 300 milioni il finanziamento per il 2020.

Comune bontà


Nasce la rete degli assessori alla gentilezza. Sono 43 per ora, da Nord a Sud dello Stivale e appartengono a schieramenti politici diversi. L’obiettivo h rafforzare il senso di comunità dei cittadini. Tra le iniziative concrete, il quaderno o i farmaci sospesi o l’angolo in cui lasciare indumenti per chi ne ha bisogno.

Parola d’ordine: partecipazione


Lettera aperta della Fish al governo. La Federazione italiana per il superamento dell’handicap chiede al premier Conte che sia “garantita la logica del mainstreaming”, con un costante coinvolgimento delle associazioni nelle scelte che riguardano le persone con disabilità. E sollecita un rafforzamento dell’Osservatorio e del Programma d’azione.

Un passo avanti


È il quarto bando promosso da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Grazie all’iniziativa, con un contributo complessivo di oltre 70 milioni di euro, saranno sostenuti 83 progetti che interessano tutte le regioni, coprendo quasi il 90% delle province italiane.

La tua casa


In una villa in provincia di Milano confiscata alla ‘ndrangheta, saranno accolte sette mamme sole e fragili con i loro figli, per accompagnarle attraverso un percorso di autonomia. Il servizio di Anna Monterubbianesi. (sonoro)

La tua casa. In una villa in provincia di Milano confiscata alla ‘ndrangheta, saranno accolte sette mamme sole e fragili con i loro figli, per accompagnarle attraverso un percorso di autonomia. Il servizio di Anna Monterubbianesi.
Una villa confiscata alla malavita organizzata, a Buccinasco, diventa un luogo protetto dove le giovani madri potranno crescere insieme ai propri bambini. L’immobile accoglierà sette mamme sole e fragili con i loro figli, per accompagnarle attraverso un percorso di progressiva conquista dell’autonomia: saranno accolti in un ambiente di tipo familiare, che offrirà loro cura e protezione, supporto psico-educativo e un accompagnamento verso il reinserimento sociale. L’Amministrazione comunale tramite gara ha affidato in concessione l’edificio alla Cooperativa Sociale AIBC (in collaborazione con Ai.Bi. – Amici dei Bambini). “La Tua Casa” ospiterà è un progetto che prevede, nello stesso luogo, la nascita di una Comunità Mamma Bambino per quattro nuclei e un totale di 10 persone, un Alloggio di Semi-Autonomia che accoglierà due nuclei per cinque persone e un Alloggio di Alta Autonomia, dove risiederà un singolo nucleo.

Un porto sicuro


A chiederlo Sos Mediterranée e Medici senza Frontiere a bordo della Ocean Viking e avviare finalmente un meccanismo di sbarco coordinato, come discusso al vertice di Lussemburgo. La nave è ancora bloccata in mare, in attesa di un luogo dove sbarcare i 104 naufraghi soccorsi al largo della Libia undici giorni fa. Tra loro due donne incinte, 41 minori.

Progetto Libellula


Il primo network italiano di aziende che a Milano si sono unite contro la violenza sulle donne e la discriminazione di genere, diventa una Fondazione. Nuovo obiettivo: entrare nelle scuole per portare il suo messaggio di cambiamento culturale tra i ragazzi.

Binario solidale


Sono stati circa 450mila gli interventi di assistenza a persone in difficoltà realizzati dai 18 Help Center presenti nelle stazioni ferroviarie italiane. È quanto emerge dal rapporto dell’Osservatorio della solidarietà negli scali del nostro Paese.

L’albero è vita


E piantarne uno è un gesto di speranza e fiducia nel futuro. Questo il senso della campagna di raccolta fondi di Legambiente e Intesa Sanpaolo per incrementare i boschi urbani in città. Il servizio di Anna Monterubbianesi. (sonoro)

Piantare un albero significa avere fiducia nel futuro, voglia di prendersi cura del territorio e del pianeta in cui viviamo. Questo l’obiettivo della campagna di raccolta fondi Sounds green. L’albero è vita promossa da Legambiente e Intesa Sanpaolo che prevede la piantumazione di 40mila alberi in 14 Città metropolitane italiane per creare nuovi boschi urbani, contrastare i cambiamenti climatici e migliorare la qualità dell’aria che respiriamo. Una sfida importante da trasformare in realtà. “Non sei mai troppo piccolo per fare la differenza” ha detto Greta Thunberg. E la differenza insieme si può fare, sostenendo la campagna attraverso la piattaforma forfunding.it, e decidendo di dare il proprio contributo per raggiungere l’obiettivo di 1.200.000 € necessari. Sarà possibile dare anche solo 1 euro. Le donazioni a favore di questo progetto beneficeranno della deducibilità fiscale.