Archivi categoria: Sport

Pallalpiede

notizie

Storica impresa della Polisportiva Padova che, pur impossibilitata a giocare in trasferta, ha vinto per la prima volta nella sua storia il campionato di terza categoria. La squadra di detenuti del carcere cittadino non potrà entrare ufficialmente nell’albo d’oro ed essere promossa in seconda categoria, ma l’impresa va al di là del risultato sportivo, esempio di come il calcio possa diventare azione di recupero.

Oltre il risultato

notizie

Si è giocata ieri a Monza la prima edizione della “Coppa del Mondo del Lavoro”, evento calcistico per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della sicurezza. Il torneo ha rappresentato l’esordio della Nazionale Safetyplayers, prima in questo genere che intende contribuire a fermare la strage silenziosa delle morti bianche.

La Nazionale Italiana Sicurezza sul lavoro, Safetyplayers, è la prima al mondo in questo genere, e rappresenta il primo seme lanciato a livello mediatico, per operare una vera e propria rivoluzione culturale: trasformare un tema visto come un peso, un obbligo, in un valore condiviso. Per il quale tutti siamo chiamati a fare il tifo. Nello storico stadio «Sada» di via Guarenti, sono scesi in campo la squadra del Comune di Monza, capitanata dal Sindaco e dall’Assessore allo Sport, la Nazionale dei Vigili del fuoco e la rappresentativa «Medicuore» dei Medici di Monza e Brianza. L’incasso servirà per finanziare un progetto di sensibilizzazione nelle scuole del territorio, denominato «School Safety Tour – a scuola con la Nazionale Italiana Sicurezza sul Lavoro».
“L’iniziativa dei Safetyplayers, ha spiegato l’Assessore allo Sport, è in linea con l’obiettivo di questa Amministrazione: promuovere la cultura della sicurezza tra i lavoratori, siano essi dipendenti o imprenditori. Lo strumento è lo sport che ha uno straordinario valore educativo. È patrimonio di tutti gli uomini e di tutte le classi sociali ed è, quindi, una «voce» potente per «parlare» con le persone, soprattutto con i più giovani.

In your shoes

notizie

Torna per il terzo anno l’iniziativa di solidarietà e sport per tutti. A maggio un gruppo di ragazzi consegneranno agli studenti della St. Patrick High School di Iten, in Kenya, scarpe da running usate, raccolte tra runners di diverse città italiane e europee. Quest’anno ha aderito anche il campione di atletica leggera Andrew Howe, donando le sue calzature.

In moto

notizie

Si chiama Orangogo ed è il motore di ricerca degli sportivi che raccoglierà tutti i campi estivi italiani per aiutare i genitori a trovare il posto migliore per tenere occupati i bambini in modo intelligente durante le vacanze. Un’occasione di fare un’attività fisica contro la sedentarietà.

 

Se da un lato “i dati Istat confermano che l’Italia è tra i Paesi più sedentari d’Europa – spiega Giulia Pettinau, fondatrice di Orangogo, il motore di ricerca e mappatura degli sport in Italia e maggior player nazionale nel settore – dall’altro, a partire dagli anni 2000, l’offerta di attività estive all’insegna dello sport per minori è esplosa. L’estate può diventare l’occasione per recuperare il tempo perduto durante l’anno e avvicinare i nostri figli allo sport in modo soft, vario nelle attività e ricco di nuove relazioni di valore”.
Mamme e papà di tutta Italia potranno in pochi click visualizzare dettagli su turni, orari, prezzi e disponibilità di ogni campo estivo, scegliere il più adatto al proprio bambino, prenotare e pagare direttamente online. Una ricerca personalizzabile filtrando in base alla geolocalizzazione dei campi, tra Italia ed estero, mare e montagna, città o natura; con schede dettagliate che riportano anche informazioni relative, ad esempio, a pasti, materiali, attività in programma e istruzioni riguardanti esigenze specifiche, a partire dalla celiachia.
Una mappa online alla quale hanno aderito, a soli 18 mesi dal suo ingresso sul mercato, oltre 11.000 tra associazioni e società sportive da tutta Italia in oltre 1.300 comuni, posizionandola così come il maggior player nazionale nel settore.

Sport e cultura senza barriere

notizie

È online la mappa regionale Emilia Romagna Aics delle attività per persone con disabilità. Il servizio di Clara Capponi. (sonoro)

Si tratta di una mappa interattiva delle associazioni che offrono attività sportive e culturali per l’inclusione sociale delle persone con disabilità. L’iniziativa rientra nel progetto Sporth@llo sostenuto dalla Regione Emilia Romagna e dal Comitato Italiano Paralimpico, grazie a cui nei mesi scorsi è stata realizzata una vera cartina geografica delle “strutture” senza barriere. La mappa offre una panoramica divisa provincia per provincia di tutte le associazioni che prevedono attività e corsi rivolti a disabilità sia fisiche che intellettivo-relazionali, dalla velaterapia ai corsi di allenamento per persone con sindrome di Down, dalla biodanza per persone con difficoltà relazionali allo yoga per tutti, fino ai laboratori creativi, culturali, teatrali. Il progetto prevede anche formazione per i tecnici accompagnatori e percorsi di sensibilizzazione nelle scuole.

Giochi per tutti

notizie

Presentate a Milano le Winter Deaflympics 2019, le Olimpiadi invernali dei sordi. L’evento, giunto alla 19esima edizione, si terrà dal 12 al 21 dicembre tra Valtellina e Valchiavenna. Sono attese oltre cinquemila persone: un migliaio di atleti e quattromila tra accompagnatori, componenti delle squadre e spettatori. Alle sei discipline tradizionali, sci alpino e di fondo, snowboard, hockey su ghiaccio e curling, si aggiungono gli scacchi.

I Giochi saranno organizzati dalla Federazione Sport Sordi Italia (FSSI) che è affiliata al Comitato Italiano Paralimpico (CIP), con il sostegno dell’associazione Cancro Primo Aiuto. L’evento è stato presentato al 39° piano di Palazzo Lombardia, alla presenza del presidente e del vicepresidente della Regione, degli assessori agli Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni e allo Sport e Giovani e del sottosegretario alla Presidenza con delega ai Grandi eventi sportivi.

No hate speech

notizie

Contrastare il linguaggio d’odio, la violenza e il razzismo. È l’obiettivo della nuova campagna sociale presentata a Verona. L’iniziativa è promossa da Astoria wines e realizzata in collaborazione con il Centro italiano aiuti all’infanzia, e patrocinata dal Coni.

 

Eyob Faniel, Najla Aqdeir, Yohanes Chiappinelli, Yassin Bouih, Eusebio Haliti e Noemi Batki, sono gli atleti italiani protagonisti della campagna “No hate speech”, realizzata da Astoria Wines con la collaborazione di CIAI e il patrocinio del CONI. “Siamo lieti di aver collaborato a questa importante iniziativa, perché su temi come il razzismo, la discriminazione, l’odio sociale, non bisogna mai abbassare la guardia”, ha affermato Paola Crestani, presidente della Ong CIAI. “No Hate Speech” vuole accendere i riflettori sul fenomeno dilagante dell’odio che si diffonde attraverso i social network e che prende spesso di mira gli atleti. Il video, che si intitola “Speak out against hate speech – atleti contro il razzismo”, verrà diffuso soprattutto attraverso i social network. Protagonisti sono sei atleti italiani di origine straniera, che partendo dagli insulti ricevuti rispondono raccontando in modo positivo il loro essere italiani e la loro passione per lo sport e la maglia azzurra. Il video farà da traino a un progetto più ampio: un bando rivolto a filmmaker e videomaker di tutta Italia, a supporto di progetti a tema “No Hate Speech”, con l’obiettivo di favorire l’idea di integrazione.

Un gol solidale

notizie

La squadra “Cocoricoo” di Beira, la città più colpita dal ciclone Idai, in Mozambico, ha ceduto il proprio campo e contribuito alla costruzione di un nuovo Centro di trattamento per il colera di Medici senza frontiere. E altri paesi stanno sostenendo il progetto: in Italia ha già aderito la squadra femminile della AS Roma.

 

#Goal4Uganda è il progetto realizzato dalla ong italiana AVSI in partnership con l’Associazione Italiana Calciatori (attraverso AIC ONLUS) e CDO Sport, volto a valorizzare il calcio come canale di socializzazione positiva e di inclusione sociale, offrendo ai ragazzi un campo adeguato su cui giocare.
Inoltre una settimana di scuola calcio, curata dai tecnici qualificati dello staff di AIC-Dipartimento Junior è stata rivolta ai 350 studenti e studentesse tra i 13 e i 17 anni, della scuola secondaria “Luigi Giussani High School”; una struttura d’eccellenza che sorge nel cuore della baraccopoli. Damiano Tommasi, presidente AIC, e Simone Perrotta, responsabile dipartimento Junior di AIC e Campione del Mondo, sono scesi sul campo, accompagnati dal Segretario Generale AIC ONLUS Fabio Poli. È stata l’occasione per inaugurare il campo da calcio, ristrutturato grazie al progetto, alla presenza di autorità locali e della scuola Luigi Giussani High School, oltre che ai partner del progetto.

Un goal per l’Uganda

notizie

Grazie al progetto di Avsi e Associazione Italiana Calciatori, a Kampala rinasce un campo da calcio nel nome dell’inclusione. Verrà ristrutturato un terreno di gioco situato in uno dei quartieri più poveri e disagiati della città.

#Goal4Uganda è il progetto realizzato dalla ong italiana AVSI in partnership con l’Associazione Italiana Calciatori (attraverso AIC ONLUS) e CDO Sport, volto a valorizzare il calcio come canale di socializzazione positiva e di inclusione sociale, offrendo ai ragazzi un campo adeguato su cui giocare.
Inoltre una settimana di scuola calcio, curata dai tecnici qualificati dello staff di AIC-Dipartimento Junior è stata rivolta ai 350 studenti e studentesse tra i 13 e i 17 anni, della scuola secondaria “Luigi Giussani High School”; una struttura d’eccellenza che sorge nel cuore della baraccopoli. Damiano Tommasi, presidente AIC, e Simone Perrotta, responsabile dipartimento Junior di AIC e Campione del Mondo, sono scesi sul campo, accompagnati dal Segretario Generale AIC ONLUS Fabio Poli. È stata l’occasione per inaugurare il campo da calcio, ristrutturato grazie al progetto, alla presenza di autorità locali e della scuola Luigi Giussani High School, oltre che ai partner del progetto.

Muoversi per stare bene

notizie

L’Associazione italiana gastroenterologi ospedalieri compie 50 anni e per celebrare questo importante anniversario ha stilato le dieci regole d’oro della digestione, tra le quali compare anche un’attività fisica regolare. Abbiamo chiesto a Francesco Bortoluzzi, consigliere nazionale Aigo, di illustrarci le motivazioni. (sonoro)