Archivi categoria: Economia

Una nuova economia


Firmato un protocollo di intesa tra Csv e Altromercato. Il servizio è di Giuseppe Manzo.

Insieme per promuovere lo sviluppo sostenibile e mettere volontari, cooperative e associazioni al centro delle sfide poste dall’Agenda 2030 dell’Onu. È questo il fulcro del protocollo d’intesa siglato il 23 giugno fra Altromercato e Cvsnet, due reti consolidate che hanno fatto della presenza capillare sul territorio il tratto distintivo del loro agire: CSVnet, che associa tutti i 55 Centri di servizio per il volontariato, conta infatti più di 400 fra sedi e sportelli operativi; mentre 225 sono le Botteghe gestite dalle 94 cooperative e organizzazioni non profit socie di Altromercato.

Alla base dell’impegno di Altromercato c’è lo sviluppo del Commercio Equo e Solidale e la diffusione dei principi dell’economia sostenibile a livello nazionale e internazionale, grazie alla presenza dell’impresa sociale fra i soci di “Equo Garantito”. Tematiche che ben si integrano con la mission dei Csv, impegnati da più di vent’anni nel sensibilizzare i cittadini alla solidarietà e che, con la riforma del terzo settore, sono stati chiamati a rafforzare la presenza e il ruolo dei volontari in tutti gli enti del terzo settore.

Tornare a casa


Da senza dimora a proprietari. La Fondazione Progetto Arca ha avviato una nuova sperimentazione, che ha coinvolto per ora due famiglie, ma che conta di arrivare nei prossimi mesi a fare questa proposta a una trentina di nuclei.

Lucca solidale


Si appresta a entrare nella fase operativa il progetto “Ri-Uscire. Superare i processi di impoverimento causati dal Covid-19 con strumenti di solidarietà diffusa”, iniziativa promossa da un’ampia rete di soggetti istituzionali e del Terzo settore in tutta la provincia di Lucca e sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio. Il progetto prevede interventi di natura economico-finanziaria grazie al Fondo solidale che alimenterà due nuovi strumenti: il “Prestito di solidarietà” con risorse fino a 2.500 euro erogati direttamente da Fondo Vivere e Caritas e l’“Aiuto di solidarietà”, con cui si erogano fino a 1.000 euro rimborsabili anche tramite lavori di pubblica utilità.

Ritardi fatali


Grande sorpresa per l’Alleanza delle cooperative di fronte alla posizione del governo italiano di prorogare lo split payment al 2023: una procedura che prevede che sia la pubblica amministrazione a contribuire l’IVA al posto del fornitore. “La scadenza al 2020 permette una boccata di ossigeno per le attuali difficoltà delle imprese.

Senza cibo


L’allarme del Banco Alimentare per un milione di bambini. Il servizio di Giuseppe Manzo.

Aumentano le richieste di aiuto alimentare in Italia: negli ultimi mesi sono cresciute di circa il 40% su tutto il territorio nazionale, con picchi del 70% nelle regioni del Sud. A lanciare l’allarme è la Fondazione Banco Alimentare Onlus che in questi giorni ha lanciato una campagna di raccolta fondi dal titolo “Emergenza Alimentare Italia” per aiutare le persone in difficoltà e sensibilizzare i cittadini sul tema della povertà alimentare.

Fino al 5 luglio, infatti, sarà possibile sostenere la campagna con un sms al numero 45582. L’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19, spiega la Fondazione, “ha avuto forti ripercussioni sull’economia, trasformandosi fin da subito in una crisi anche sociale”. I dati parlano chiaro: secondo la Fondazione Banco Alimentare Onlus, il 77% delle famiglie già fragili ha visto cambiare la propria disponibilità economica e il 63,9% ha ridotto l’acquisto di beni alimentari.

Bad working


Il 32% dei lavoratori con disabilità ha sospeso l’attività lavorativa durante il lockdown, e solo 1 su 3 ha avuto accesso al lavoro agile. L’impatto del Covid e delle misure restrittive è stato forte per i lavoratori con disabilità: lo rivela l’instant report realizzato dalla Fish onlus e Iref.

Economia non profit


“Una valorizzazione del ruolo sociale ed economico del Terzo Settore per il quale è indispensabile prevedere misure di sostegno alla capitalizzazione del sistema e ai processi di innovazione tecnologica e organizzativa.” È questa in sintesi la proposta avanzata da Claudia Fiaschi, Portavoce del Forum nazionale del Terzo Settore, agli Stati Generali dell’economia dove il Forum ha presentato un proprio documento per il rilancio del Paese.

 

Un po’ di respiro


Il Comune di Ravenna e le cooperative sociali hanno raggiunto un accordo che prevede che per i mesi di marzo, aprile, maggio e giugno venga erogato dal Comune circa il 40% di quanto previsto dalle convenzioni sui servizi per l’infanzia: inclusa anche una quota a riconoscimento delle spese incomprimibili e del mantenimento della struttura.

Ascoltiamo la cooperativa Zerocento. (sonoro)

Termini prorogati


Sarà possibile presentare le domande per il Reddito di emergenza fino al prossimo 31 luglio. Lo stabilisce il decreto legge 52,  già pubblicato in Gazzetta Ufficiale. La domanda può essere presentata all’Inps attraverso i seguenti canali: online, dal sito www.inps.it, e ovviamente tramite i servizi offerti dai centri di assistenza fiscale e dai patronati

Economia autorganizzata


Le proposte dell’Alleanza cooperative agli Stati generali. Il servizio di Giuseppe Manzo.

Un grande piano nazionale per la transizione ecologica ed energetica, un pacchetto con 100 proposte di semplificazione normativa, la richiesta di interventi per sostenere la capitalizzazione e il rafforzamento patrimoniale delle imprese e nuovo patto sociale che defiscalizzi gli incrementi di produttività. Queste, in sintesi, le principali proposte che l’Alleanza delle Cooperative ha presentato ieri al Governo nel corso degli Stati Generali.

“DL rilancio e DL liquidità – spiega il presidente Mauro Lusetti, anche a nome dei copresidenti Maurizio Gardini e Giovanni Schiavone – hanno pensato soprattutto alla finanza, ma non al rafforzamento patrimoniale. Noi abbiamo invece avanzato diverse proposte che vanno proprio in questa direzione: Ace, fiscalità agevolata dei ristorni portati a capitale; favorire la rivalutazione dei beni di impresa. E ancora equity anziché debito per sostenere le PMI; sostegno ai Workers Buy Out non solo per imprese in crisi ma anche per successione generazionale e interventi nel capitale delle imprese da parte dei Fondi di previdenza integrativa”.

Vanno inoltre promosse, secondo l’Alleanza, l’autoimprenditorialità cooperativa e le molte esperienze di autorganizzazione economica e sociale presenti nelle comunità e nei territori, con particolare attenzione alle cooperative di comunità, per valorizzare tutte le energie, le culture e gli interessi del Paese.