Archivi categoria: Internazionale

Il Canada risarcirà oltre 55 mila bambini indigeni discriminati


Cambio di passo. Il Canada ha annunciato di aver raggiunto un accordo per risarcire gli oltre 55 mila bambini indigeni dati in affidamento, danneggiati da un sistema discriminatorio di assistenza all’infanzia. Sono stati stanziati inoltre 20 miliardi di dollari per riformare il metodo attuale, che non rispetta i diritti umani.

7 sfide per il 2022: gli obiettivi fissati da Save The Children


7 sfide per il 2022. Sono quelle che, secondo Save The Children, i bambini sono chiamati ad affrontare nei prossimi mesi dopo quasi due anni di pandemia che ha aumentato le disuguaglianze in tutto il mondo. Tra gli obiettivi, quello di ridurre la crisi alimentare, favorire l’accesso all’istruzione e impedire il reclutamento dei minori nei gruppi armati.

Bavaglio cinese su Hong Kong: attacco alla libertà di stampa


 

 

Bavaglio cinese. Dopo la chiusura di uno dei più popolari siti di informazione indipendente di Hong Kong, la libertà di stampa nell’ex colonia britannica è sempre più in pericolo. Il servizio è di Fabio Piccolino.

Lo scorso 29 dicembre la polizia di Hong Kong ha fatto irruzione nella sede del sito di informazione indipendente Stand News sequestrando documenti, computer e telefoni e arrestando sette tra giornalisti ed editori.

L’azione, che ha portato alla chiusura del media, è l’ennesimo attacco alla libertà di stampa da parte del regime di Pechino, che sei mesi fa ha causato l’interruzione delle pubblicazioni del quotidiano Apple Daily.
In questi giorni unanime è stata la condanna della comunità internazionale, ma lo spazio per il dissenso è di fatto sempre più ridotto e il sistema sempre meno democratico.

La lotta collettiva dei rifugiati in Libia: presidio permanente dal 1 ottobre


Lotta collettiva. Migliaia di uomini e donne sono in presidio permanente dallo scorso 1 ottobre davanti alla sede dell’UNHCR di Tripoli per chiedere l’evacuazione immediata dalla Libia verso paesi sicuri, senza distinzioni di status migratorio.
Si tratta di persone provenienti da diversi Paesi africani, in fuga da guerre civili, persecuzioni, cambiamenti climatici e povertà.

Nucleare, lo stop del Belgio ai sette reattori attualmente attivi


Scelta atomica. Il Belgio ha annunciato nei giorni scorsi che i sette reattori nucleari attualmente attivi nel Paese saranno spenti entro il 2025. Non si tratta però di un addio: il progetto prevede infatti un investimento sul nucleare di nuova generazione.

Natale di sangue: decine di migranti hanno perso la vita nel Mediterraneo


 

 

Natale di sangue: decine di migranti sono morti in mare nel tentativo di raggiungere l’Europa. Il servizio è di Fabio Piccolino

La nave umanitaria SeaWatch3 ha effettuato ieri la quinta operazione in tre giorni, soccorrendo 96 persone su un gommone. I naufraghi a bordo sono ora 446, tra cui una donna incinta al nono mese e un bambino di due settimane.

Negli ultimi giorni, centinaia di persone hanno cercato di raggiungere l’Europa via mare, nonostante le difficili condizioni meteorologiche. I corpi di 28 migranti sono stati ritrovati su una spiaggia della Libia, dopo che il barcone con il quale stavano cercando di attraversare il Mediterraneo è affondato; 30 invece le persone che hanno perso la vita nel mar Egeo, a causa di diversi incidenti a largo delle isole greche.

Futuro green: la Commissione Ue approva linee guida degli aiuti di Stato


Futuro sostenibile. La Commissione europea ha approvato le linee guida degli aiuti di Stato per il clima, la protezione dell’ambiente e l’energia. Le nuove regole aiuteranno gli stati membri a raggiungere gli obiettivi del Green deal europeo facilitando gli investimenti green e favorendo la decarbonizzazione.

Hong Kong, affluenza crollata al 30% alle elezioni senza opposizioni


Sempre meno liberi. L’affluenza alle elezioni di domenica per il rinnovo del Parlamento di Hong Kong è crollata al 30%. Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada, Australia e Nuova Zelanda hanno espresso “grave preoccupazione” per la revisione del sistema elettorale che ha di fatto eliminato qualsiasi opposizione politica al governo cinese e per le crescenti restrizioni alla libertà di parola e di riunione.