Archivi categoria: Società

Avanti piano


È il giudizio di Antigone sull’approvazione della riforma dell’ordinamento penitenziario. Secondo l’associazione restano deluse le grandi aspettative: non c’è nulla che favorisca un ampliamento delle misure alternative, nulla sulla affettività dei detenuti e sulle pene accessorie. Bene su minori, lotta alla violenza e isolamento.

Movimento verde


In occasione della seconda edizione di E_Mob, la Conferenza nazionale dedicata alla mobilità elettrica, Adiconsum lancia un Manifesto che invita a trovare forme di trasporto sostenibili, modelli elettrici e a zero emissioni. Ai nostri microfoni Mauro Vergari.

(sonoro)

L’università dei rifugiati


Oltre 50 migranti in Italia e all’estero, provenienti da Siria, Libia, Mali, Afghanistan, Turchia, Nigeria e altri Paesi, stanno frequentando i corsi di laurea grazie alle borse di studio messe a disposizione a titolo gratuito da UniNettuno di Roma. Ai nostri microfoni il rettore Maria Amata Garito.

(sonoro)

Corsa contro il tempo


Anche le Misericordie della Toscana sono in campo insieme a oltre 70 volontari per fronteggiare lo spaventoso incendio sul monte Serra, in provincia di Pisa, e le sue conseguenze. Accolte numerose famiglie all’interno del palasport di Calci grazie al lavoro degli operatori di Anpas.

Decreto disumanità


Così è stato ribattezzato dalle associazioni il giro di vite del ministro Salvini su migranti e sicurezza. Il servizio di Anna Monterubbianesi. Con il decreto cambiano accoglienza e rimpatri, con questo annuncio su twitter il ministro dell’interno rende noto il nuovo volto del provvedimento su immigrazione e sicurezza approvato in Consiglio dei ministri. Tra i punti principali: la sostituzione della protezione umanitaria con permessi speciali, tempi e regole più dure per ottenere la cittadinanza, taglio ai fondi per l’accoglienza. Tante le reazioni del mondo associativo preoccupato dal vedere ridurre lo spazio dei diritti e crescere i possibili casi di immigrati irregolari. Così Cir, Legacoopsociali, Centro Astalli, Cnca, Arci sono solo alcune delle voci che si sono alzate contro il decreto che assimila i problemi di sicurezza interna, come criminalità organizzata e terrorismo, al tema della gestione delle migrazioni, che favorisce il conflitto piuttosto che l’inclusione e che annulla nei fatti le tante buone pratiche di accoglienza diffusa realizzate da cittadini e organizzazioni in sinergia con le istituzioni e amministrazioni locali.

“Un pericoloso passo indietro”


È il punto di vista delle avvocate della “Casa delle donne per non subire violenza” di Bologna rispetto al disegno di legge Pillon sull’affido condiviso in discussione in Senato. “Questa proposta – dicono – stravolge il diritto di famiglia in Italia, che è tra i più evoluti d’Europa e abolisce, in un colpo solo, le tante conquiste frutto delle lotte femminili”.

Un pasto al giorno


Al via domani una due giorni di cibo e solidarietà nelle piazze di tutta Italia. L’iniziativa promossa dai Volontari della Comunità di Don Oreste Benzi per incrementare la consapevolezza sui temi della sostenibilità alimentare e raccogliere i fondi necessari a garantire 7 milioni e mezzo di pasti alle persone in condizione di povertà assoluta, come fatto negli anni passati.

Il futuro è adesso


Torna l’appuntamento con la formazione dei dirigenti del Terzo settore meridionale con il progetto FQTS. Quattro giorni di studio a Salerno sui temi della sostenibilità, del benessere ed economia della felicità, delle politiche culturali, di risorse ed investimenti con oltre 200 partecipanti.

Voce strozzata


C’è apprensione e sgomento per il rapimento in Niger di Padre Pierluigi Maccalli. Il sacerdote era appena rientrato dall’Italia nella diocesi di Niamey. Secondo i missionari i sequestratori sarebbero jihadisti. Il religioso operava nel sociale ed era attivo nell’aiuto alle giovani vittime di pratiche di mutilazione sessuale.

Cambia e vai


È il titolo della 17a edizione della Settimana Europea della Mobilità, in programma fino al 22 settembre. Il servizio di Anna Monterubbianesi.

Un appuntamento fisso per chi vuole impegnarsi sulla strada della sostenibilità e del miglioramento della qualità della vita delle nostre città, singoli cittadini ma anche amministrazioni. Il tema di quest’anno è la multimodalità, con lo slogan “mix and move” (cambia e vai!), e l’obiettivo è quello di sottolineare quanto sia importante ripensare le proprie abitudini di mobilità, prediligendo l’utilizzo di più mezzi, meno inquinanti, in uso combinato tra di loro, che integrino o sostituiscano l’auto. Per i cittadini significa ripensare il modo in cui ci si muove nelle città e sperimentare nuove forme di mobilità, per le amministrazioni la volontà di supportare metodi di trasporto alternativi e l’occasione per attivarsi in un processo di miglioramento della mobilità urbana. L’obiettivo dell’edizione 2018 è quello di superare il record di 2.526 adesioni stabilito lo scorso anno.