Archivi categoria: Economia

Nodo pensioni


Il nuovo governo Monti verso la riforma, ma l’equità sociale rischia di rimanere un’utopia. Secondo una simulazione della Associazione Artigiani Piccole Imprese di Mestre, infatti, chi prende 20mila euro netti all’anno vedrà sfumare un aumento di 500 se salta l’aggancio all’inflazione.

Gli immigrati fanno “impresa”.


Uno studio commissionato dal Cnel fotografa la realtà del migrante imprenditore. L’identikit? Ha studiato nel Paese di origine, è emigrato in Italia a 24 anni, ha lavorato prima come dipendente, ha avviato l’attività imprenditoriale a 33 anni. La maggiore concentrazione è al Nord, il record è in provincia di Prato.

Cento punti per ripartire


Sono le proposte di Sbilanciamoci presentate oggi a Roma. Che vanno dalla lotta all’evasione fiscale alla tassa patrimoniale sui beni superiori ai 500mila euro. Dal rispetto dei beni comuni alle agevolazioni in materia di green economy. Ascoltiamo Giulio Marcon, portavoce della Campagna.

Rivoluzione verde


Oltre il 23% delle imprese italiane nella crisi punta sulla Green Economy. È quanto emerge nel Rapporto GreenItaly 2011 di Symbola e Unioncamere. Non un settore legato solo ai comparti ambientali: la peculiarità della green economy italiana, infatti, sta proprio nella riconversione in chiave ecosostenibile dei settori tradizionali dell’industria.

Rinnovabili, il Wwf punta al 100% entro il 2050


La ricetta proposta dall’associazione ambientalista prevede l’adozione di politiche severe in materia di efficienza energetica e un forte incremento delle fonti rinnovabili. A partire dai Paesi in via di Sviluppo, per i quali l’energia low carbon potrebbe rappresentare un’autentica svolta.

No work


Sono due milioni i lavoratori che versano 6 miliardi di imposte sul reddito e che hanno subìto gli effetti più duri della crisi economica. È il quadro che emerge sugli occupati stranieri nel Rapporto Annuale sull’Economia dell’Immigrazione realizzato dalla Fondazione Leone Moressa, Il tasso di disoccupazione è schizzato all’11,6%.

Pioggia di polemiche


Negli ultimi tre anni, il ministro Tremonti ha tagliato l’84% delle risorse all’ambiente. Dato allarmante alla luce delle conseguenze provocate dalle alluvioni che hanno colpito il nord-ovest del nostro Paese. Il commento di Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente.