Archivi categoria: Internazionale

Senza Stato


Le autorità di Hong Kong hanno bandito il partito che promuove l’indipendenza dalla Cina. L’organizzazione era nata a seguito della protesta del Movimento degli ombrelli del 2014, che chiedeva maggiore autonomia da Pechino ed elezioni libere. Il provvedimento, che secondo i promotori mira a garantire la sicurezza nazionale, non ha precedenti nella regione.

Allo stremo


“Quando metti 8.000 persone in un luogo che può contenerne al massimo 3.000, costringi la gente a lottare anche per avere accesso ai servizi minimi”. È la denuncia di Luca Fontana, coordinatore a Lesbo dei progetti di Medici senza frontiere. Ascoltiamolo il suo appello.

Non è troppo tardi


Unicef lancia un appello per risparmiare vite umane in Yemen, in attesa che arrivi la pace. Il servizio di Fabio Piccolino. (sonoro)

Dall’inizio del conflitto in Yemen hanno perso la vita 6500 bambini. Ma se la pace sembra ancora lontana, si può fare almeno qualcosa per limitare lo spargimento di sangue. Il direttore generale di Unicef Henrietta Fore ha dichiarato: “Fino a quando non cesseranno le ostilità, chiediamo alle parti la massima moderazione per risparmiare vite umane e consentire l’accesso agli aiuti nel porto di Hodeidah, punto di ingresso per le forniture umanitarie salvavita, il carburante e i beni commerciali da cui dipende gran parte del paese per la sopravvivenza.
Non è troppo tardi per tornare al tavolo dei negoziati e riunirsi agli sforzi di pace dell’Inviato speciale dell’Onu”.

In cerca di giustizia


La Corte penale internazionale indagherà sul genocidio dei Rohingya da parte dell’esercito birmano. La minoranza musulmana infatti ha subito “inconcepibili livelli di violenza” per favorirne l’espulsione dal Myanmar che non ne riconosce la cittadinanza. La persecuzione è testimoniata da almeno 10mila morti che non possono essere giustificati come contromisure ai gruppi ribelli.

Passo indietro


Il prossimo ottobre in Romania si terrà un referendum contro i matrimoni gay. Il quesito chiederà ai cittadini se vogliono modificare la costituzione per vietarne la legalizzazione in futuro. Attualmente le unioni non sono consentite e un eventuale affermazione dei sostenitori nelle urne le renderebbe ancora più difficili.

Ogni cinque secondi


Lo scorso anno nel mondo sono morti oltre sei milioni di bambini. Una tragedia che si può evitare con un maggiore accesso ai servizi medici e sanitari. Il servizio di Fabio Piccolino. (sonoro)

Nel 2017 nel mondo è morto un bambino ogni cinque secondi: è il dato che arriva dalle stime di Unicef, Organizzazione Mondiale della Sanità e Nazioni Unite. Lo scorso anno non ce l’hanno fatta oltre 6 milioni di minori, la maggior parte dei quali nei primi cinque anni di vita. Oltre la metà dei decessi è avvenuto nell’Africa Subsahariana e un altro 30% in Asia meridionale. Anche se negli ultimi 30 anni il tasso di mortalità si è abbattuto di oltre la metà, resta ancora molto da fare. Secondo Laurence Chandy dell’Unicef, “sono stati compiuti molti progressi, ma in milioni stanno ancora morendo a causa delle circostanze e del luogo in cui nascono. Con soluzioni semplici come medicine, acqua pulita, energia elettrica e vaccini, possiamo cambiare questa realtà per ogni bambino”.

Adesso basta


Amnesty International lancia un appello contro l’invio di armi italiane all’Arabia Saudita nel conflitto in Yemen. Una situazione che dal 2015 sta sottoponendo uomini, donne e bambini a sistematiche violazioni dei diritti umani e a veri e propri crimini di guerra. Secondo l’organizzazione, alimentando questo orrore, il nostro Paese sta violando la legge internazionale.

I nuovi desaparecidos


Sono le migliaia di migranti scomparsi in mare. Un progetto per dare voce alle loro storie e a quelle delle loro famiglie. Il servizio di Fabio Piccolino. (sonoro)

Si chiama “Missing at the borders” il progetto che vuole dare voce al dolore delle famiglie di chi è scomparso in mare nel tentativo di raggiungere l’Europa. L’iniziativa è autofinanziata e promossa da una rete di organizzazioni attive su entrambe le sponde del Mediterraneo, tra cui Milano senza frontiere, che organizza da tre anni, ogni primo giovedì del mese, una marcia silenziosa a piazza della Scala con le foto di alcuni migranti algerini e tunisini scomparsi durante o dopo la traversata nel Mediterraneo, sullo stile delle madri argentine di Plaza de Mayo. L’obiettivo è quello di conoscere la verità sulla vita di tante persone e di permettere ai migranti di entrare regolarmente in Europa senza rischiare la vita.

In cerca di giustizia


Amnesty Italia chiede al premier Conte quali passi in avanti siano stati fatti in questi mesi sulla vicenda di Giulio Regeni. Ad un anno del ripristino delle normali relazioni diplomatiche tra Italia ed Egitto, l’organizzazione sottolinea come la ricostruzione della verità sia dovere politico e istituzionale.

Viva L’Europa


Il Parlamento ha approvato la risoluzione dell’europarlamentare olandese Judith Sargentin che accusa l’Ungheria di violare i principi della democrazia. “Un voto storico”, commenta Amnesty International. Ora spetta al Consiglio dei capi di Stato e di governo dei vari Stati decidere se attivare la procedura dell’articolo 7 del Trattato dell’Unione che potrebbe portare a sanzioni, come la sospensione del diritto di voto.