Archivi categoria: Società

Non c’è più tempo


 “A meno di venti giorni dalla scadenza per l’adozione dei decreti correttivi del Codice del Terzo settore, ci aspettiamo che il Governo non procrastini i tempi di adozione”. La nota della portavoce del Forum Claudia Fiaschi arriva a poche ore di distanza dalla notizia della presentazione di un disegno di legge da parte dei capigruppo in Senato di Lega e Movimento 5 Stelle volto ad allungare i termini di scadenza delle delega all’esecutivo di sei mesi.

Scuola, quanto mi costi


La spesa per l’istruzione dei propri figli incide fortemente sui budget delle famiglie italiane e complessivamente raggiunge i 15 miliardi di euro. Secondo un’indagine di Cittadinanzattiva, la maggior parte è assorbita da rette di iscrizione e tasse, considerando l’intero arco del ciclo educativo, dall’asilo nido all’università.

Lo sportello del turista


Al via, per il tredicesimo anno consecutivo, l’iniziativa promossa da Confconsumatori. Sarà attivo a livello nazionale grazie alla disponibilità delle sedi di Catania, Giarre e Acicastello che faranno da punto di riferimento per chi viaggia in Italia e all’estero, in particolare nel mese di agosto.

Aperti per ferie


Dalle Acli di Roma un’iniziativa per bambini e over 65 in collaborazione con l’Unione Sportiva dell’associazione e la Federazione anziani pensionati. Tante le attività gratuite per i più piccoli dai 4 ai 13 anni e anche per i loro nonni.

Ecomafie d’Italia


Boom di arresti per crimini contro l’ambiente e di inchieste sui traffici illegali di rifiuti. 84 reati al giorno e un business da 14,1 miliardi. Il servizio di Anna Monterubbianesi.

Record di arresti e inchieste nel 2017 per crimini contro l’ambiente, con una crescita del 140% rispetto all’anno precedente. Il business dell’ecomafia è salito a quota 14,1 miliardi. Questi e altri numeri nel rapporto Ecomafia 2018 presentato da Legambiente. La Campania è la regione in cui si registra il maggior numero di reati ed il settore dei rifiuti è quello dove si concentra la percentuale più alta di illeciti. Il presidente Ciafani: “i numeri di questa nuova edizione del rapporto Ecomafia dimostrano i passi da gigante fatti grazie alla nuova normativa che ha introdotto gli ecoreati nel Codice penale, ma servono anche altri interventi, urgenti, per dare risposte concrete ai problemi del paese. A commentare il rapporto anche una nota del presidente della Repubblica: “Lo sfruttamento dei beni comuni, lo squilibrio, l’inquinamento, le azioni fraudolente, il dissesto sono veri e propri delitti compiuti contro le generazioni di domani, e costituiscono nell’oggi una violenza che comprime i diritti della persona”.

Quanto mi costi?


Italiani bocciati in energia: 3 su 4 non sanno neanche quanto pagano. L’indagine di Cittadinanzattiva ha evidenziato come molti non conoscano neanche le informazioni basilari relative al proprio contratto. La maggioranza degli intervistati si dice però favorevole a spendere qualcosa in più per un’offerta che garantisca solo energia da fonti rinnovabili.

Plastic Free Week


Durerà fino a domenica la campagna promossa da Greenpeace. Una serie di eventi in sedici città italiane per sensibilizzare l’opinione pubblica su una delle più gravi emergenze ambientali dei nostri tempi: l’inquinamento da plastica. Ai nostri microfoni Giuseppe Ungherese dell’associazione. (sonoro)

Aggiungi un pasto a tavola


Lo chef Rubio, al secolo Gabriele Rubini, testimonial di “Cous cous Clan(destino)”, una serata a favore dell’integrazione e dell’anti-razzismo alla Darsena di Milano. Anche tra i fornelli si può parlare di accoglienza. Ascoltiamolo. (sonoro)

Estate in campo!


Ripartono anche quest’anno i laboratori antimafia che si tengono su beni confiscati alla criminalità organizzata e promossi da Arci, Cgil, Spi, Flai, Rete degli studenti medi e Unione degli universitari. Ad aprire i battenti: Corleone e Brindisi.

Vetta amica


Legambiente assegna le bandiere verdi a comunità montane e ad azioni virtuose che raccontano il profilo green e sostenibile dell’arco alpino. Il servizio di Anna Monterubbianesi.

 

Quindici bandiere verdi a comunità locali e territori montani che investono sempre più sulla sostenibilità ambientale e sociale, su progetti di cittadinanza attiva, turismo dolce e agricoltura di qualità, accoglienza e integrazione. Ma anche a singole persone che combattono gli illeciti ambientali o che si battono per denunciare gli impatti dei cambiamenti climatici sulle montagne. Tra le buone pratiche premiate molte riguardano la valorizzazione delle risorse ambientali in chiave economica e sociale. La regione più virtuosa è la Lombardia con ben cinque bandiere verdi, seguita dal Piemonte e dalla Valle D’Aosta. Non mancano poi i riconoscimenti a storie virtuose alpine, come quelle dei comuni Bardonecchia e di Oulx per l’accoglienza dei migranti. Legambiente ricorda però anche le 6 bandiere nere, quelle per le cattive pratiche di gestione del territorio.