Notizie

Disability & Sport: il progetto che propone attività sportive accessibili

di Redazione GRS


 

 

Muoviamoci. L’Associazione Paratetraplegici del Nord-Est ha lanciato il progetto “Disability & Sport” per coinvolgere persone con disabilità in attività sportive. Il servizio di Elena Fiorani.

«Non me la sento», «troppo impegnativo per me»: con questa e altre motivazioni simili otto persone con disabilità su 10 dichiarano di essere inattive e di non dedicarsi ad alcuna attività sportiva o fisica: per invertire questa tendenza l’Associazione Paratetraplegici del Nord-Est scende in campo con il progetto che propone attività sportive accessibili e che offrono la possibilità di uscire di casa e conoscere altre persone.

L’iniziativa, patrocinata dalla Regione Veneto, si apre domani al Polo Nautico di Punta San Giuliano, dove verrà presentata la paracanoa, pratica che può dare grandi soddisfazioni eco naturalistiche in un territorio come quello veneto ricco di lagune, laghi e fiumi. Nei mesi seguenti si andrà alla scoperta del tiro con l’arco, di bocce e danza in carrozzina, ma anche del tennistavolo e di badminton e calcio balilla.

Allarme ludopatia: appello della campagna “Mettiamoci in Gioco”

di Redazione GRS


Allarme ludopatia. Oggi a Roma l’iniziativa della Campagna “Mettiamoci in Gioco” che chiede al Parlamento e al governo di regolamentare e ridurre l’offerta di gioco d’azzardo sul territorio e contrastare quello che è sempre di più un problema sociale di salute pubblica. Nel 2020 sono stati giocati nel nostro Paese oltre 80 miliardi di euro.

Solidaria, a Padova torna il festival culturale

di Redazione GRS


 

 

Padova, torna il Festival Solidaria. Arte nei quartieri della città Capitale Europea del volontariato 2020. Il servizio è di Clara Cappponi.

Dopo un anno da Capitale europea del volontariato, torna il festival culturale Solidaria, organizzato dal Csv di Padova e Rovigo. Dal 27 settembre al 3 ottobre Padova sarà animata con il format “solidaria on the balkòn” che porterà l’arte nei quartieri e consentirà ai cittadini di candidarsi per ospitare spettacoli nei cortili condominiali, piazzette, tra i palazzi, i balconi o sui tetti. Persone singole o in gruppo, potranno segnalare entro la fine di luglio la disponibilità ad ospitare uno dei 5 format di spettacoli individuati utilizzando un form online.

Sulla base delle disponibilità verrà costruito un palinsesto che andrà ad arricchire il ricco programma culturale che sarà svelato nelle prossime settimane.

Sport e legalità: il protocollo che coinvolgerà gli studenti di Palermo

di Redazione GRS


Sport e legalità. A Palermo firmato un protocollo per agevolare la pratica dei giovani studenti, in particolare provenienti da quartieri svantaggiati, per veicolare valori di legalità e sottrarre fette sempre più ampie di giovani generazioni alla malavita. L’iniziativa nasce da un lungo lavoro nelle scuole da cui è emerso il bisogno di socializzazione e di sport.

L’essenza dell’iniziativa è quella di diffondere, attraverso lo sport, quel contagio di legalità. Questa mattina nell’aula “Corona”, nella caserma “Pietro Lungaro”, alla presenza del questore Leopoldo Laricchia e del prefetto Giuseppe Forlani è stato firmato un protocollo che consentirà di agevolare la pratica sportiva dei giovani studenti palermitani anche dai quartieri svantaggiati per veicolare valori di legalità.

Hanno firmato il protocollo anche l’associazione Quarto Savona Quindici, i gruppi sportivi Fiamme oro della polizia e la federazione nazionale Taekwondo. Il protocollo consentirà di derogare ai limiti d’età, di 12 e 17 anni, attualmente vigenti, per chi desideri praticare l’arte marziale coreana del Taekwondo, mediante il tesseramento alla locale sezione giovanile Fiamme Oro affiliata alla Federazione Italiana Taekwondo. La Quarto Savona Quindici e la sua fondatrice Concetta Mauro Martinez Montinaro, nella sua instancabile testimonianza di memoria, attraverso un percorso itinerante nelle scuole palermitane, ha raccolto il bisogno di socializzazione e di sport, proveniente soprattutto dai giovani che vivono un disagio sociale oltre che economico. E’ stato questo l’input che ha condotto gli enti firmatari a ritenere giusto concedere una deroga che agevoli l’accesso e la permanenza dei giovani studenti nell’ambito dei gruppi sportivi della Polizia di Stato.

L’essenza dell’iniziativa è quella, quindi, di diffondere, attraverso lo sport, quel “contagio di legalità” che serva a sottrarre fette sempre più ampie di giovani generazioni alla malavita a che, in modo progressivamente più incisivo e penetrante, in tutti gli strati della società palermitana, produca gli anticorpi alla mafia.